fbpx

Ciclizzazione delle calorie vs Restrizione calorica costante: chi è il vincitore?

Superiorità delle diete cicliche su quelle a restrizione costante
Di Vincenzo Tortora , 16 Giugno 2016

Ciclizzazione delle calorie vs Restrizione calorica costante: chi è il vincitore?

Uno studio (1) ha analizzato le differenze tra “dieta costante” (restrizione calorica giornaliera cosatnte) e “dieta ciclica” (restrizione calorica alternata a giorni di sovralimentazione). La ciclizzazione delle calorie ha fatto registrare i migliori risultati in termini di perdita di peso e miglioramento dei parametri di salute.

La dieta sperimentale era organizzata seguendo 11 giorni di restrizione calorica alteranti a 3 giorni di sovralimentazione ad libitum. Nel dettaglio, era così strutturata:

  • Fase 1: 1200 kcal per 11 giorni; 3 gironi ad libitum;
  • Fase 2: 1200 kcal per 11 giorni; 3 giorni ad libitum;
  • Fase 3: 1500 kcal per 11 giorni; 3 giorni ad libitum;
  • Fase 4: normalizzazione.

I pasti erano 4 al giorno senza spuntini , con intervallo tra essi di minimo 4 ore. 11 giorni con il 55% di carboidrati, 25% di proteine e 20% di grassi. I 3 giorni ad libitum erano relativi anche alla qualità del cibo. 42 giorni in questo modo sono stati seguiti da un follow-up in cui la dieta era costituita dal 55% di carboidrati, 20% di proteine e 25% di grassi, con introiti tali da mantenere il bilancio energetico.

La perdita di grasso è stata significativamente maggiore, molto più di quanto predetto tramite la teoria “Calorie IN vs Calorie OUT”. Secondo la teoria, avrebbero dovuto perdere 3.1 kg; invece hanno perso 8.04 kg di grasso! Quindi, una caloria è una caloria? Non se la dieta è ciclica!

Nello studio i Ricercatori hanno eseguito anche un “sottoesperimento” sulla caffeina. I soggetti del gruppo sperimentale hanno assunto caffeina, in dosi pari a 5 mg/kg di peso, sia nei giorni di restrizione calorica che di sovralimentazione. Sembra che essa non abbia apportato benefici aggiuntivi durante la perdita di peso, ma ne abbia apportati durante il follow-up non facendo aumentare il grasso di 0.78 kg (registrato dalle donne senza caffeina) ma facendo perdere addizionali 1.54 kg di grasso .

La dieta ciclica ritarda gli adattamenti alla restrizione calorica

Nonostante il maggiore introito energetico (10% in più), le donne nella Calorie Shifting Diet (CSD) perdevano più peso! Perché? Il loro tasso metabolico basale rimaneva più elevato , come mostrato nel grafico sottostante (in rosso le donne in CSD, in blu le donne in restrizione “normale”).

Ciclizzazione calorica vs restrizione costante

Non solo, anche i parametri di salute miglioravano maggiormente: glicemia, colesterolo totale e trigliceridi! Questo indica che una dieta ciclica può essere un ottimo aiuto per dimagrire in salute mantenendo elevato il tasso metabolico e ritardando i plateu.

Riferimenti

  1. Davoodi SH et al. Calorie Shifting Diet Versus Calorie Restriction Diet: A Comparative Clinical Trial Study. Int J Prev Med. 2014.

Non hai ancora trovato la soluzione che cercavi?

Forse la stai cercando nel posto sbagliato. Hai bisogno di un metodo pratico che ti dica dove guardare. Vieni a scoprirlo nei K Start GRATIS.

Cosa sono? Il Fitness è un campo troppo vasto per riuscire a non perdere mai l'orientamento. I K Start sono la visione d'insieme che permette di farlo, che tu sia un Appassionato che vuole migliorare se stesso o un Professionista impegnato ad aiutare gli altri a farlo.

SCEGLI:

Psss! Se non lo hai ancora fatto, iscriviti alla Newsletter per ricevere uno sconto del 15% su tutti i servizi Oukside, oltre a preziosi ed esclusivi consigli! Iscriviti ora alle News

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.