Quali sono gli alimenti concessi nella Dieta Chetogenica?

Schema pratico e semplice alla guida degli alimenti concessi e da evitare nella Dieta Chetogenica
Di Vincenzo Tortora

Quali sono gli alimenti concessi nella Dieta Chetogenica?

La dieta chetogenica è semplice, pratica, e funziona bene, non fa male e non ha effetti collaterali. Insomma, non è il demonio che alcuni pensano sia. E non è neppure difficile come alcuni pensano: le basi teoriche sì (quale meccanismo biochimico è “alla portata di tutti”?), ma nella pratica è veramente semplice.

Qui infatti viene presentata senza fronzoli, senza tutto ciò che il mercato ha fatto per renderla complessa. Delle diete chetogeniche non vi interessa come, quando e perché utilizzarle: vi interessa come applicarle e vi interessano schemi pratici di esempio (una sorta di menu).

Questo perché vi interessa utilizzarla o applicarla, ‘ché a teorizzare siamo bravi tutti, una volta note le basi. Queste possono essere estese indefinitamente e non basterebbero dozzine di libri e anni di studio. Ma se volete applicare, attenetevi alle indicazioni qui presentate.

Tutti vi dicono come non fare la Keto Diet. Qui vi diciamo come farla: se qualcosa non è presente, significa che non dovete farlo. In particolare ci concentriamo sugli alimenti concessi e alimenti da evitare, perché fattualmente la scelta del cibo è ciò che dà struttura alla dieta. Senza perderci in spiegazioni sul perché evitare certi alimenti per far vedere che “noi ne sappiamo”, andiamo dritti al punto e diciamo quali alimenti consumare nella dieta chetogenica e perché.

Premessa: quando fare e quando non fare la dieta chetogenica

Non fatevi troppo del male mentalmente rimanendo paralizzati in un processo di analisi che vi farà stare fermi. Avete intenzione di dimagrire? Di rimettere in moto il vostro metabolismo? Potete fare la Dieta Chetogenica, a patto che:

  • Non abbiate un passato di estreme oscillazioni del peso corporeo;
  • Non siate in stallo da molto tempo col dimagrimento.

Altri casi in cui non fare la Dieta Chetogenica? Dipendono dalla vostra motivazione. Come vedrete, ci sono cose che proprio non si possono fare (“Mi è capitato di prendere un caffè zuccherato. Che vuoi che sia, era solo mezza bustina di zucchero”): se non riuscite a mettere in atto il tipo di cambiamento richiesto, per ora lasciate stare.

Quali sono gli alimenti concessi nella Dieta Chetogenica, come sceglierli e come strutturare un menu chetogenico

Ecco gli alimenti concessi nella dieta chetogenica:

  • Alimenti proteici: hanno principalmente proteine (10-20 g per 100 g di alimento), pochissimi carboidrati (< 5 g per 100 g di alimento), e dei grassi ci interessa relativamente visto che nella Keto Diet vanno assunti e anche in buona quantità.
  • Alimenti lipidici: hanno principalmente lipidi (grassi; da 30/40 a 90/100 g per 100 g di alimento), relativamente pochissimi carboidrati (< 20-30 g per 100 g di alimento; vedremo dopo perché sembrano alti ma non lo sono), poche proteine (< 20-30 g per 100 g di alimento; vedremo dopo perché sembrano alti ma non lo sono).
  • Alimenti “proteolipidici”: hanno sia proteine che grassi (di ognuno, 10/15-20/30 g per 100 g di alimento) e pochi carboidrati.

Ecco una lista di alimenti di esempio con quelle caratteristiche:

  • Alimenti proteici: carni (tutte), pesci (tutti), fonti proteiche vegane che abbiano pochi carboidrati (< 5 g per 100 g di alimento).
  • Alimenti lipidici: oli (tutti: oliva, semi, riso, lino…), burri (tutti: vaccino, ovino… di cocco, di mandorla, di altra frutta secca - e.g. il burro di arachidi), frutta secca, mascarpone, cioccolato fondente, cacao.
  • Alimenti proteolipidici: uova, formaggi (tutti), yogurt interi, alternative vegane ai latticini.

Mi hanno sempre detto di stare attentissimo agli “zuccheri nascosti”. Sono confuso

Lasciate stare! Se vi concentrate alimento per alimento siete persi. Ecco come sapere quali alimenti scegliere e come strutturare i pasti nella dieta chetogenica. Capirete anche perché alimenti quali la frutta secca o lo yogurt possano essere inseriti in uno schema di dieta chetogenica.

Primo step: scegliete l’alimento

La scelta dell’alimento passa dai punti visti sopra: divideteli in quelle categorie. Potete scegliere solo quelli. Frutta? No. Legumi? No. Gallette di riso, che tanto son leggere? No. Pane integrale? No. Miele? No. Basta domande, abbiate in testa il criterio di scelta: se non rientra in quegli alimenti non dovete sceglierlo.

Secondo step: leggete i macronutrienti

Facile, no? O sull’etichetta, o tramite FatSecret o MyFitnessPal.

Terzo step (il più importante): definite se la vostra scelta è “chetogenica”

Questo può essere fatto sul pasto intero o sul singolo alimento; ovvero, ci sono alimenti “più chetogenici” di altri, ciò non vuol dire che non possiate combinarli ottenendo un effetto risultante a impatto medio sulla chetogenesi rispetto agli alimenti di partenza.

Quindi, per l’alimento o pasto che vorreste consumare, annotate:

  • I grammi di proteine (chiamiamolo ‘P’);
  • I grammi di grassi (chiamiamolo ‘G’);
  • I grammi di carboidrati (chiamiamolo ‘C’).

E fate questa semplicissima operazione:

  • Sommate i grammi di grassi a metà dei grammi delle proteine (chiamiamo la somma X);
  • Sommate i grammi di carboidrati a metà dei grammi delle proteine (chiamiamo la somma Y);
  • Dividete X e Y (X/Y), ottenendo un numero probabilmente con la virgola (chiamiamolo KR).

Se KR è maggiore di 1, il vostro pasto è chetogenico; se KR è minore di 1, non lo è. E in questo caso per renderlo chetogenico potete:

  • Aumentare i grassi;
  • o diminuire i carboidrati.

Ricapitoliamo, in formula:

Formula per scegliere gli alimenti chetogenici

Per chi si diverte a giocare con i software per calcolare calorie e nutrienti, verrà fuori per ogni pasto (e ogni giorno) una cosa del genere:

Percentuale di macronutrienti nella Dieta Chetogenica

Perché bisogna evitare frutta, legumi, zucchero nel caffè in un pasto completo, anche se KR > 1?

Al che qualche furbetto può domandarsi:

“A me piace il caffè con lo zucchero. Se dopo un pasto con KR = 2 metto un caffè con lo zucchero, che fa arrivare il KR a 1.95, resta comunque un pasto chetogenico. Quindi posso farlo?”

Risposta: no, perché gli alimenti devono essere comunque selezionati da quelle categorie. Lo zucchero rientra tra alimenti proteici, lipidici, o proteolipidici? No. Stesso dicasi per frutta, legumi, e qualsiasi altro alimento su cui pensavate di applicare lo stesso ragionamento. Fine del discorso.

La dieta chetogenica è semplice, non rendetela complicata

Strutturare uno schema di dieta chetogenica è molto semplice, non fermatevi troppo all’analisi del singolo alimento o macronutriente, ma:

  • Scegliete gli alimenti all’interno di quelle categorie;
  • Calcolate il KR.

Niente di più.

Ciò che è complicato è quello che c’è dietro: biochimica e teoria della Dieta Chetogenica, così come capire quando non è proprio possibile applicarla, come superare i plateu del dimagrimento e come applicarla in ambito clinico.

Vuoi aiuto per raggiungere (e mantenere) i tuoi risultati? O aiutare gli altri a farlo?

Sai già come si dovrebbe mangiare e magari anche come ci si dovrebbe allenare. I risultati li hai raggiunti, o fatti raggiungere... Ma la cosa più difficile è mantenere quei risultati a lungo termine - anzi, per tutta la vita -.

Non lo è?

Il nostro scopo con il Fitness Coaching Online è aiutare a dimagrire, fare ricomposizione corporea, migliorare il benessere ma soprattutto, insegnare a mantenere il risultato per sempre.

Con lo stesso desiderio, lavoriamo a stretto contatto con Professionisti del Fitness e della Salute con la Certificazione Professionale Oukside, per garantire ai loro Clienti i risultati che meritano, e insegnare loro come mantenerli per tutta la vita.

Ti interessa? Scopri tutto sul Fitness Coaching Online o la Certificazione Professionale Oukside e assicurati un risultato duraturo e permanente.

I posti sono limitati perciò se ti interessa... Affrettati! O rischierai di dover aspettare molti mesi.

Se ti interessa il Fitness Coaching Online, ecco i vantaggi che avrai:

  • Non dovrai più pagare per altri Nutrizionisti, Personal Trainer, Coach…. I nostri Fitness Coach hanno competenze diversificate e ti aiuteranno con la tua dieta, l'allenamento, l'integrazione, la motivazione, le strategie per migliorare per sempre. Sarai sempre in contatto con loro sulla nostra piattaforma dedicata, per messaggistica e team working, su di te.
  • In 12 mesi imparerai a mettere l'"autopilota". Niente più pensieri, frustrazioni (e magari ossessioni...) su contare le calorie, porzionare i pasti, fare allenamenti lunghi e dispendiosi... Baserai il percorso sui tuoi orari, il tuo budget, la tua vita.

La tua migliore opportunità per riscrivere il tuo concetto di Fitness e capire come raggiungere i risultati che meriti, e mantenerli per sempre.

Scopri tutto sul Fitness Coaching Online

Se sei del mesterie e ti interessa la Certificazione Professionale Oukside, ecco i vantaggi per te:

  • Lavorerai a stretto contatto con i Mentor Oukside, come in un team multidisciplinare e coeso. I tuoi Clienti avranno sempre il massimo supporto, grazie alle competenze diversificate dei nostri Professionisti. Utilizzerai i nostri metodi di lavoro, continuamente aggiornati.
  • Dopo 12 mesi, diventerai Oukside K Professional della nostra rete professionale. Gli utenti potranno trovarti online come riferimento della tua zona, tu avrai formazione continua e potrai utilizzare i nostri metodi, strumenti, protocolli e la piattaforma per supportare al meglio i tuoi Clienti.

La tua occasione per accrescere esponenzialmente l'esperienza professionale sul campo, per aiutare i tuoi Clienti a raggiungere e mantenere i risultati che meritano.

Scopri tutto sulla Certificazione Professionale Oukside

Psss! Se non lo hai ancora fatto, iscriviti alla Newsletter per ricevere uno sconto del 15% su tutti i servizi Oukside, oltre a preziosi ed esclusivi consigli! Iscriviti ora alle News

Commenti (222)

  • Ayshe

    Ayshe

    04 Marzo 2017 at 13:23 | #

    Interessante davvero!!!!!! Non conoscevo la formula!!!!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Marzo 2017 at 16:35 | #

    Ciao o grazie, Ayshe! :)

    La formula è ricavata (e resa più pratica) da quella per calcolare il cosiddetto Coefficiente Chetogenico o Rapporto Chetogenico (Ketogenic Ratio - Da cui KR).

    Così è più utilizzabile. ;)

    Un saluto,
    Vincenzo.

    Rispondi

  • Andrea

    Andrea

    05 Marzo 2017 at 21:12 | #

    Interessante. Ma la verdura va completamente eliminata?

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    06 Marzo 2017 at 08:08 | #

    Perché non ci scrive una giornata tipo? E per le quantità'?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    06 Marzo 2017 at 08:14 | #

    Ciao Andrea,

    No, la verdura non è eliminata, e può essere aggiunta praticamente in quantità libera. Non occorre considerarla nell'equazione in quanto non modifica chissà che a livello metabolico.

    Quindi i pasti sono costituiti da fonti proteiche, fonti lipidiche, e verdure.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    06 Marzo 2017 at 08:17 | #

    Ciao Simona,

    Le quantità non sono così importanti quanto lo è rispettare quel rapporto. Questo perché senza pensarci le limiterai facilmente.

    Un menu tipico di esempio di dieta chetogenica potrebbe essere:

    Colazione:
    - Tipo 1: Uova + Affettati
    - Tipo 2: Yogurt intero/Formaggio fresco + Farine di cocco/Mandorle/Noci o direttamente frutta secca a guscio

    Pranzo & Cena
    Fonte proteica di carne/pesce/uova + Verdure + Condimenti (Olio, burro, semi)

    Eventualmente spuntini
    A base di frutta secca, cioccolato fondente, derivati del cocco.

    Spero di essere stato utile.

    Un saluto

    Rispondi

  • Ayshe

    Ayshe

    06 Marzo 2017 at 08:37 | #

    La nausea mi hanno detto che è una componente di questa alimentazione, io Ho spesso la nausea dopo mangiato e al mattino. So o sempre in chetosi? A parte questo sto benissimo

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    06 Marzo 2017 at 08:38 | #

    Può capitare.

    Un pizzico di sale integrale e un bel bicchiere d'acqua e dovresti stare meglio. ;)

    Rispondi

  • Ayshe

    Ayshe

    06 Marzo 2017 at 08:41 | #

    Ciao ah. Perfetto! Grazie mille

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    06 Marzo 2017 at 09:11 | #

    Grazie infinite

    Rispondi

  • maria

    maria

    07 Marzo 2017 at 09:17 | #

    ci sono verdure da evitare o da preferire?
    la radice di liquirizia come spezzafame può andar bene?

    Rispondi

  • Cristian Moletto

    Cristian Moletto

    07 Marzo 2017 at 10:05 | #

    Io personalmente evito gli ortaggi amidacei (come tuberi - patate, carote) e i legumi, mentre prediligo le crucifere (broccoli, cavolfiori..) e le verdure a foglia (spinaci, bietole, insalata, etc.).
    La liquirizia, data la composizione in elevati carboidrati, la toglierei. Personalmente, trovo molto utile come spezzafame il cioccolato al 99% della novi. L'alta quantità di tannini (molto amaro) mi chiudono velocemente lo stomaco. Provare per credere :)

    Rispondi

  • maria

    maria

    07 Marzo 2017 at 10:44 | #

    grazie cristian! eh ma quanto cioccolato mangi? una tavoletta? anche quello della lindt 99% potrebbe andar bene..
    per quanto riguarda le verdure son da preferire quindi quelle "verdi", evitando magari pomodori etc

    Rispondi

  • Cristian Moletto

    Cristian Moletto

    07 Marzo 2017 at 11:50 | #

    Il cioccolato della lindt è più vanigliato, quindi io perdo più facilmente il controllo.. quello della novi oltre a 2 quadretti non riesco proprio :D
    E' una questione personale. Prova qual'è meglio per te.

    Per quanto riguarda le verdure, per rendere semplice la questione (così come ci insegna Vincenzo) se sono "verdi" ( o a foglia) vai sempre sul sicuro.
    Sugli ortaggi, ci sono alcuni che hanno più carboidrati e altri che ne hanno meno. Secondo me, è inutile fissarsi troppo su cosa sì e cosa no.
    Se senti che è dolce, probabilmente significa che ha zuccheri (es. barbabietola). Se senti che ha amido significa che contiene carboidrati (es. carote, patate, tampinambour, legumi).
    Se senti che è insipido, leggermente amaro, fibroso, o comunque meno palatabile, significa che è ok :)

    Rispondi

  • maria

    maria

    07 Marzo 2017 at 12:06 | #

    grazie! e posso assumere proteine idrolizzate senza zucchero?

    Rispondi

  • luca

    luca

    07 Marzo 2017 at 12:12 | #

    Non devo calcolare quindi le calorie? Ho letto di persone che mettono il burro nel caffè per favorire la termogenesi: serve?? E come prenanna?

    Rispondi

  • Cristian Moletto

    Cristian Moletto

    07 Marzo 2017 at 12:14 | #

    certo! basta mantenere sempre il KR>1 per continuare lo stato di chetosi

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Marzo 2017 at 12:41 | #

    Ciao Luca!

    In Dieta Chetogenica prediligi il mantenimento di una proporzione percentuale tra i macronutrienti di 70% grassi e 30% proteine. Le calorie sono secondarie, ma ti accorgi di quanto un metabolismo lipidico possa cambiare fortemente le regole del gioco.

    Ti accorgerai di arrivare, a giorni, facilmente a 2500-3000 Kcal "da etichetta" (o da software) pur continuando a beneficiare degli effetti della "restrizione calorica" e glucidica. Perché è una condizione che non ha tanto a che fare con quello che c'è scritto in termini numerici quanto in quello che arriva al corpo.

    E una Chetogenica "simula" un digiuno. Anche a calorie alte, al corpo arriva questo segnale.

    --

    Puoi utilizzare burro o burro di cocco, anche nel caffè. A me piace molto 1 cucchiaino di burro, quello indicato in questo articolo (Irish Butter): https://www.oukside.com/blog/nutrizione/burri-a-confronto; e 1 cucchiaino di burro di cocco, questo: http://amzn.to/2lS0Q0y).

    Sul perché utilizzare il burro di cocco e perché migliora il metabolismo e ti aiuta nel dimagrimento, puoi leggere di più qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/olio-di-cocco-migliora-metabolismo-dimagrimento.

    C'è anche un cenno alla Dieta Chetogenica in cui è presentata come Medium Chain Tryglicerides Ketogenic Diet. In questa, proprio per l'effetto "chetogenico" dell'olio di cocco, è possibile assumere dei carboidrati, ma personalmente consiglio di non farlo.

    Spero di essere stato chiaro e di non essermi troppo dilungato.

    Un saluto

    Rispondi

  • luca

    luca

    07 Marzo 2017 at 14:32 | #

    sei stato molto gentile!
    per "riassumere", cosa ne pensi di:
    colazione: proteine
    pranzo: proteine idrolizzate e verdure
    cena: proteine idrolizzate e verdure
    eventuali spuntini: proteine con della frutta secca
    grazie mille!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Marzo 2017 at 15:02 | #

    Fai l'assaggiatore in una azienda di integratori proteici? :D

    Almeno un pasto "solido" al giorno lo farei. C'è differenza tra mangiare/masticare e bere. Molta differenza.

    Quindi passi colazione/pranzo "veloci", ma almeno la cena, cucinata, sarebbe meglio.

    Rispondi

  • luca

    luca

    07 Marzo 2017 at 15:40 | #

    che differenza c'è tra mangiare/masticare e bere? scusa se ti disturbo con tante domande!!
    è vero che troppe proteine fanno ingrassare? o è una leggenda metropolitana? ne ho sentite di cotte e di crude e l'ultima è che in ogni pasto non si dovrebbero assumere più di 30 grammi di proteine..

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Marzo 2017 at 19:10 | #

    Ciao Luca,

    c'è differenza nel senso che nella prima condizione mastichi, nell'altra no! :D

    Scherzi a parte; la masticazione, deglutizione, tutto il processo sensoriale di "acquisizione nutrienti" è importante perché dà segnali a livello gastrico/intestinale e nervoso.

    I circuiti neurobiologici vengono coinvolti in maniera differente. Prova a mangiare 3 mele e poi prova a mangiare le stesse mele frullate e scopri tu stesso la differenza.

    Ecco perché "una caloria è una caloria / le calorie contano" sono dei mantra molto superficiali. Non scorretti se appunto si rimane nel superficiale, lo sono tanto quando si va a vedere come funziona il corpo per davvero.

    Non basta fare i conteggi dell'effetto termogenico del cibo, di quanto i cibi influenzino la sensibilità insulinica, di quanto influenzino la produzione ormonale.

    E' proprio anche il MODO in cui viene consumato il pasto.

    Ma non voglio dilungarmi su questo, che è già stato (e sarà) oggetto di altri articoli (guarda questo: http://www.oukside.com/blog/nutrizione/calorie-in-vs-calorie-out).

    --

    ERGO, dove puoi, prediligi i pasti: completi, seduti, caldi, comodi.

    --

    Sulle proteine, il problema è definire il "troppo". Il limite teorico è difficilmente superabile in termini pratici. Prova ad assumere 4 g di proteine per Kg di peso e dimmi se ti entra altro cibo e se riesci a fare questo per più di 3 giorni di fila.

    Come vedi, purtroppo "in giro" c'è tanto parlare, ma qua non siamo in Matrix. Nel mondo reale le cose funzionano un po' diversamente.

    :)

    Sul massimo di 30 g di proteine per pasto: http://www.oukside.com/blog/nutrizione/quantita-massima-proteine-pasto

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    07 Marzo 2017 at 22:29 | #

    Il rapporto Kr quanto deve essere >1 per avere un effetto dimagrante? Mi spiego meglio: ho fatto dei calcoli per la cena e viene fuori un KR =2,72 puo' andar bene? Grazie infinite.

    Rispondi

  • maria

    maria

    08 Marzo 2017 at 09:16 | #

    Avrei qualche dubbio per quanto riguarda le delucidazioni alle domande di Luca...
    se si assumono proteine whey a colazione/pranzo e cena, magari evitando le verdure per un giorno o due... il rapporto kr sarebbe uguale a 1.. quindi si entrerebbe in chetosi? o bisogna per forza assumere dei grassi? grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 09:25 | #

    Ciao Simona,

    non c'è un rapporto per dimagrire con la Dieta Chetogenica o uno per ingrassare (o aumentare la massa muscolare).

    Oltre un certo limite non dimagrisci più. Ma la forza della Keto Diet è che non riesci, nel pratico, a mangiare davvero tanto. Quindi una volta stabilito il rapporto dimagrisci in maniera "spontanea".

    Il rapporto da te indicato è... Ottimo!

    Un saluto

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 09:30 | #

    Ciao Maria,

    Come detto, conviene sempre mangiare cibo "solido". Le proteine whey le puoi assumere e cambiano un po' le regole del gioco nel senso che, anche se QUEL PASTO non ha un KR > 1, la chetosi può essere mantenuta in quanto togliendo il fattore "masticazione / Segnali neuroendocrini dallo stomaco al cervello" dai uno stimolo differente al tuo organismo.

    L'importante però è che sulle 24 ore tu ricompensi quel rapporto (e.g. il pasto serale sia ricco di grassi).

    L'assumere grassi o meno non è propriamente "per forza", ma molto consigliato. Per essere precisi, dipende anche da qual è la tua condizione iniziale. Se devi perdere molto peso, puoi anche introdurre meno grassi, ma non perché il rapporto non sia più vero, bensì perché sarà il tuo corpo a mettere in circolo grassi***.

    Se invece devi "perdere solo qualche Kg" e vuoi provare a strutturare la Dieta Chetogenica per dimagrire, be' allora sì, metti i grassi nella dieta.

    ***a patto che tu non sia "bloccata" dal punto di vista metabolico, cosa per la quale ti consiglio questo articolo: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/flessibilita-metabolica-dimagrimento-metabolismo

    Un saluto

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    08 Marzo 2017 at 09:48 | #

    Grazie. Io seguo la chetogenica da un bel po' ma ho difficolta' a dimagrire... Il mio impegno ora sara' quello di calcolare il KR per verificare dei risultati. Il vostro aiuto e' davvero prezioso.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 10:31 | #

    Ciao Simona,

    Lieti di averti aiutata.

    Un saluto

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    08 Marzo 2017 at 10:57 | #

    Mi viene in mente un altro concetto che mi era stato trasmesso per misurare la ratio in cheto: i grassi devono essere uguali alla somma di proteine e carboidrati per avere ratio 1:1, i grassi devono essere il doppio della somma di carboidrati e proteine per avere la ratio 1:2 ecc. E' corretto? Ai fini del dimagrimento conviene rimanere vicini al KR > 1 per far attingere ai grassi di deposito? Come regolarsi? Io a volte non avverto il senso di sazieta' pur introducendo molti grassi...

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 10:59 | #

    Va bene, ma qui ci piace semplificare. La stessa cosa risulta:

    Grammi di proteine = Grammi di grassi.

    Fine dei giochi. :)

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    08 Marzo 2017 at 11:01 | #

    Grazie

    Rispondi

  • maria

    maria

    08 Marzo 2017 at 12:29 | #

    Grazie! devo perdere proprio 4-5 kg che si sono accumulati nella zona addominale.
    proverò con 5 pasti a base di proteine..

    Rispondi

  • maria

    maria

    08 Marzo 2017 at 12:43 | #

    Scusa, mi sono dimenticata! Mi potresti dare un esempio di cena ricca di grassi?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 13:12 | #

    Ciao Maria,

    Credo tu abbia fatto la domanda perché hai ancora "paura" e non credi che la dieta chetogenica possa essere così semplice. Ma all'atto pratico, lo è.

    Carni/Pesce oppure uova
    Verdure
    Condimenti/Semi/Frutta secca/Cioccolato fondente

    "Ricette" poi ce ne sono infinite e per quelle ti indico questa pagina (tutte Low Carb, alcune con pochissimi carboidrati - da escludere - altre proprio ricette chegoteniche di "pasti chetogenici"): [link rimosso | pagina no più presente]

    Spero di essere stato di aiuto.

    Un saluto.

    Rispondi

  • maria

    maria

    08 Marzo 2017 at 15:15 | #

    Grazie mille veramente!! Tra i cibi grassi posso includere dei sottoli? ovviamente privi di zuccheri... carciofini sottolio ad esempio..

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Marzo 2017 at 15:19 | #

    Ciao Maria,

    Stiamo sempre attenti alla qualità, come ci insegna Gianpaolo Usai nel suo ebook Inganno Alimentare:

    http://www.oukside.com/shop/ebook/inganno-alimentare

    Guarda alla conservazione, la provenienza, il tipo di olio e tanto altro (tutte cose che puoi trovare in quell'ebook!).

    Un saluto.

    Rispondi

  • alberto

    alberto

    08 Marzo 2017 at 15:53 | #

    a me piace masticare le radici di liquirizia. pensi che facciano uscire dalla chetosi?

    Rispondi

  • alberto

    alberto

    09 Marzo 2017 at 14:05 | #

    SCUSA VINCENZO, ma come mai non si può masticare la radice di liquirizia? e le stecche di cannella?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    09 Marzo 2017 at 19:58 | #

    Ciao Alberto,

    Probabilmente sopra Cristian ha risposto di no alla liquirizia intendendo quella LAVORATA. Se parli di radice, o anche di quella purissima amara, puoi andare tranquillo.

    Però occhio a non abusarne qualora tu la usi di continuo, è un vero e proprio (e potente) aldosterone naturale. Ti gonfi (di acqua) a vista d'occhio se ne consumi troppa.

    Liquirizia in dieta chetogenica per smorzare la fame una tantum, quindi, sì, ma senza abusarne.

    Per la cannella via abbastanza libera, a meno che non superi i 4-5 g al giorno per più di qualche mese (4-5) (potrebbe causare una sofferenza epatica).

    Spero di essere stato di aiuto.

    Un saluto.

    Rispondi

  • alberto

    alberto

    10 Marzo 2017 at 10:02 | #

    Gentile Vincenzo,
    ti ringrazio per la risposta. Cosa consigli quindi come spezzafame?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    10 Marzo 2017 at 12:07 | #

    Una manciata di mandorle
    +
    5-6 g di aminoacidi a catena ramificata (BCAA)
    +
    1 caffè espresso
    +
    750 ml di acqua (in meno di 2 min).

    :)

    Rispondi

  • marianna

    marianna

    13 Marzo 2017 at 10:52 | #

    Come mai in meno di 2 minuti?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    13 Marzo 2017 at 11:42 | #

    Ciao Marianna,

    in realtà possono andare bene 5, ma per disciplinarti è meglio finire entro 2.

    Diciamo che di mio assegno (e faccio io stesso) questo: bere la bottiglietta da 500 mL in un solo sorso.

    Ti puoi anche divertire, senza strozzarti, a finirla nel minor tempo possibile (poi magari apriamo un contest ahahah) nel corso del tempo.

    Se vai oltre 5 min quella che hai bevuto all'inizio comincia ad essere assorbita e non hai più l'effetto di "stretching" gastrico.

    E' questo che, stimolando il sistema simpatico, ti fornisce (oltre all'aspetto diuretico) un buon rimedio per la fame (più noradrenalina > meno senso di fame).

    ;)

    Rispondi

  • alvise

    alvise

    14 Marzo 2017 at 12:51 | #

    Buongiorno! Ho seguito le domande e le risposte con molto interesse e vorrei sapere cosa ne pensa Vincenzo di questo prodotto: https://www.netintegratori.it/integratori-alimentari/?id=91&p=proteine-idrolizzate-e-proteine-della-carne-in-compressa potrebbe bene assumerlo la sera come prenanna? Sono proteine del siero idrolizzate + proteine della carne + glutammina..
    Grazie

    Rispondi

  • Paola

    Paola

    15 Marzo 2017 at 14:41 | #

    anche a me interessa la domanda di alvise :)

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    15 Marzo 2017 at 20:10 | #

    Ciao alvise,

    Diciamo che non è e non sarà mai nel "mio arsenale" ne è e sarà mai nell'arsenale Oukside né di tutti coloro che la seguono perché...

    Stiamo parlando di 135 € per Kg di proteina. Meglio spenderne 35 e tenersi quei € 100 per altre cose più interessanti.

    Alla fine dei giochi, non c'è alcun "valore aggiunto" di quella proteina rispetto a una proteina in polvere di qualsivoglia tipo.

    Anche nella spiegazione "scientifica":

    Questo:

    "tutti gli aminoacidi devono essere resi disponibili simultaneamente nei siti ove avviene la sintesi proteica e che il deficit intracellulare di anche solo un aminoacido comporta una limitazione della percentuale di sintesi proteica dell’organismo"

    è l'emblema di quanto le aziende vogliamo prendere per i fondelli il consumatore.

    La persona comune in quel pezzo legge:

    "Quindi devo assumere tutti gli aa assieme"

    Ma andando nel profondo devi scindere:

    "tutti gli aminoacidi devono essere resi disponibili simultaneamente nei siti ove avviene la sintesi proteica"

    questo è VERO, ciò non vuol dire che tu debba ASSUMERE nello stesso momento quegli aa, come se dalla bocca allo stomaco alle cellule gli aa andassero per via direttissima alla velocità della luce.

    Insomma... E' un integratore come un altro il cui prezzo è giustificato dalla novità e dall' "effetto wow" indotto dal... "Wow, hanno messo le proteine della carne in una compressa!".

    Ho anche pensato stessi facendo la domanda per qualcosa di specifico, come allergia, intolleranza, a latte/derivati, ma in realtà quella proteina unisce latte e carne, quindi penso di no (ma se così fosse, lieto di aiutarti).

    Spero di essere stato chiaro e utile.

    Un saluto.

    Rispondi

  • alvise

    alvise

    16 Marzo 2017 at 10:21 | #

    Sei stato veramente gentile! Tutto chiaro insomma :) Meglio una buona proteina idrolizzata e il gioco è fatto!
    Pensavo che quelle compresse andassero bene perché si potevano anche masticare, tutto qua..

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2017 at 10:45 | #

    Credo non sia proprio un gran piacere masticarle! :)

    In ogni caso se parli di "comodità", in dieta chetogenica mi terrei sempre su spuntini prettamente lipidici. Mandorle, arachdi, noci e cioccolato fondente li trovi ovunque o sono portabili (comodi anche perché si conservano a lungo) ovunque.

    Le proteine puoi "recuperarle" successivamente, ma bisogna anche comprendere che nella dieta chetogenica la relazione tra proteine introdotte e bilancio azotato non è per niente lineare.

    Abbasso le proteine > Aumento il KR > Aumento il grado di chetogenesi > Risparmio più proteine > Riduco il "fabbisogno" proteico

    Questo al di là dell'aspetto della riduzione del turnover proteico, secondo cui meno proteine mangio meno il mio corpo ne degraderà e risintetizzerà, quindi meno posso introdurne dall'esterno - ovviamente fino a un certo limite - .

    E' proprio un effetto nel breve, nella giornata. La chetogenesi aumenta già dal giorno dopo se il giorno stesso consumo quasi solo alimenti lipidici.

    Scusate il dilungamento, volevo chiarire questo concetto perché non occorre tanto farsi prendere dalla "smania di mangiare proteine" nella dieta chetogenica. :)

    Spero di essere stato chiaro.

    Un saluto.

    Rispondi

  • alvise

    alvise

    16 Marzo 2017 at 11:40 | #

    Adesso ho ancora più dubbi :)))))
    Ieri ho mangiato:
    colazione: whey
    pranzo: whey
    cena: whey, 10=30, yogurt greco e formaggio grana

    certo, ho tanta sete (per il grana penso).. oggi cosa posso mangiare??

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2017 at 11:50 | #

    Ciao alvise,

    dimentica tutto ciò che credi di sapere sulla Dieta Chetogenica e ridai una lettura a mente fresca all'articolo o all'ultima parte.

    Poi, rileggi il commento qui: http://www.oukside.com/blog/nutrizione/dieta-chetogenica-alimenti-concessi#comment-184

    Io credo che tu abbia in testa una idea di Dieta Chetogenica solo con integratori e shaker proteici.

    Devi invertire questo e crearla dando al tuo corpo il modo per produrre tanti corpi chetonici, che lo fai con i grassi.

    Poi ci sono tutte le differenziazioni che vuoi (una tra queste è quella "solo proteica" [oloproteica], ma è una SOTTOCLASSE della Dieta Chetogenica fatta per stimolare la chetogenesi), ma credo che lo step iniziale debba essere quello presentato nell'articolo e in questi commenti.

    Spero di essere stato chiaro.

    Un saluto.

    Rispondi

  • alvise

    alvise

    16 Marzo 2017 at 11:53 | #

    Grazie. Oggi proverò cosi:

    pranzo: verdure con del pollo
    spuntino: 1 o 2 yogurt greci
    cena: verdure con delle uova + 200 gr formaggio grana

    che ne dici?

    Rispondi

  • Ayshe

    Ayshe

    16 Marzo 2017 at 13:58 | #

    Sotto quale soglia si. Può andare per le proteine? Io mi alleno tutti i giorni e ho una massa magra di circa 47kg e assumo circa 30/35 gr di proteine tutte la sera...

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2017 at 18:26 | #

    Già meglio, almeno mangi per davvero, no? :)

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2017 at 19:21 | #

    Ciao Ayshe,

    Allenandoti ogni giorno non scenderei sotto i 1,2 g/kg (circa). Quindi nel tuo caso 55-60 g.

    Rispondi

  • Ayshe

    Ayshe

    18 Marzo 2017 at 14:48 | #

    È troppo!! Non riesco a mandarti giù tutta quella roba. Ho provato ma non riuscivo a digerire

    Rispondi

  • alvise

    alvise

    19 Marzo 2017 at 15:46 | #

    eh si! tutta un'altra cosa :)
    cosa ne pensi dei sottoli - ben sgocciolati?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    20 Marzo 2017 at 08:16 | #

    Ciao Ayshe,

    Col tempo ti abituerai alle quantità maggiori. In caso di difficoltà a digerire le proteine in sé (cioè ti disturbano la digestione per moltissime ore), consiglio questo: https://goo.gl/TSVKh1

    Veramente una manna dal cielo! :)

    Spero di essere stato utile.

    Rispondi

  • martina

    martina

    29 Marzo 2017 at 16:21 | #

    Buongiorno!
    Ho letto con interesse l'articolo e i vari "interventi" e avrei qualche domanda:
    - che marca di cioccolato fondente mi consigliate? novi? lindt?
    - 30 gr di noci a quanti gr di pistacchi corrispondono? che frutta secca è meglio assumere durante il giorno?
    Vi ringrazio!

    Rispondi

  • andrea

    andrea

    29 Marzo 2017 at 16:25 | #

    Quindi non ha senso una chetogenica con digiuno intermittente? del tipo che, nell'arco della giornata, mangio solo a cena?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    29 Marzo 2017 at 16:41 | #

    Ciao Martina,

    - Di cioccolato fondente ne puoi trovare una INFINITA' di tipi e marchi, noi consigliamo in pieno nostro "stile", il meglio al minor prezzo, andando a scovare dove non ti aspetteresti cibi di qualità con ingredienti ottimi (esempio, quello dell'Eurospin).

    Ma anche quello 81% del Lidl è ottimo (personalmente ne sono assiduo consumatore); così come Esselunga TOP (che ha vari tipi/provenienze e percentuali di cacao).

    - Puoi tenere un rapporto su tutta la frutta secca di 1:1 (come ti insegna Easy Pocket Diet :) - non so se lo hai letto, è qui: http://www.oukside.com/shop/ebook/easy-pocket-diet -). Le quantità in assoluto non sono così grandi e sul lungo termine "senza pensarci", anche se ci sono piccole differenze sui macronutrienti dei singoli alimenti, queste vengono annullate dalla varietà che userai giorno per giorno. Quindi 30 g di "frutta secca", che può comprendere "tutta la frutta secca". Non c'è un vero e proprio "meglio", potresti pensare a non assumere sempre e solo un tipo per non sbilanciare il rapporto omega-3 / omega-6 ma per questo potrebbe bastarti inserire dei semi (lino, chia) come condimento per insalate, verdure, carne/pesce/alimenti veg.

    Spero di essere stato chiaro e utile.

    Un cordiale saluto.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    29 Marzo 2017 at 16:51 | #

    Ciao Andrea,

    Non è che non abbia senso (potresti sempre fare un pasto chetogenico e basta) è che potrebbe essere molto dura e poco proficua, in quanto entrerebbero in gioco altri fattori.

    Ad esempio, la chetogenica di per sé è già forte stimolo alla produzione (transitoria e fisiologica, non un male in assoluto) di cortisolo, così come lo è il digiuno. Le due cose sommate potrebbero creare un ciclo non proficuo, come se tu stimolassi eccessivamente il tuo surrene alla produzione di cortisolo (e non è una cosa buona sul lungo termine, come abbiamo capito qui: http://www.oukside.com/blog/fitness/item/sovrallenamento-affaticamento-surrenalico).

    In Intermittent Fasting, specie per le donne, conviene sempre avere una piccola quota di carboidrati

    OPPURE

    Se si vuole tenere questo KR (Ketogenic Ratio), tenere durante il giorno dei pasti molto piccoli (e.g. un pezzo di grana + delle noci) che non impegnino troppo la digestione/l'apparato digerente. Il che vuol dire restare metabolicamente in condizioni di "digiuno" ma comunque gravare di meno a livello dell'asse HPA.

    Il che non vuol dire che sarà una passeggiata... KD + IF non ritengo lo sia in generale. :)

    Spero di esserti stato d'aiuto.

    Un saluto

    Rispondi

  • davide

    davide

    20 Luglio 2017 at 18:27 | #

    domanda ma i carbo da verdura a foglia si contano regolarmente vero ?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    20 Luglio 2017 at 18:38 | #

    Ciao Davide,

    In realtà è un dettaglio strascurabile. Conta prima tutto il resto, e aggiungi pure le verdure liberamente. Non influiscono sullo stato di chetosi.

    Un saluto

    Rispondi

  • Cristina Barzaghi

    Cristina Barzaghi

    26 Luglio 2017 at 12:37 | #

    Ciao Vincenzo (e a tutti)vi scrivo perchè avrei bisogno di un chiarimento o consiglio, seguo la dieta chetogenetica da qualche settimana abbinata al digiuno intermittente,mi sento più "sveglia"durante il giorno,ma al mattino ho un calo energetico spaventoso,appena sveglia assumo 5g di EAA poi dopo mezz'ora 10g di olio di cocco, se ho un po di nausea lo sposto alle 14.00 .caffè alle 17.00 10g di mandorle con caffè 1 cp di aceteli-l carnitina allenaento e alle 20.00 cena insalata, pesce verdure e olio di cocco ..ultimamente aggiungo anche una cp di ALA perchè mi sento davvero molto stanca..devo aggiungere qualcosa?sbaglio l'impostazione dei grassi'?Grazie per avermi letto e per tutti gli articoli che pubblicate.
    Cristina.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Luglio 2017 at 13:10 | #

    Ciao Cristina,

    Non conoscendo l'obiettivo è difficile rispondere. La prima domanda che dovresti porti è "Quale motivo mi ha spinto a fare una Dieta Chetogenica?" la risposta ad essa dovrebbe farti avere una panoramica più completa per condurti a una scelta sensata su integratori/eventuali alimenti da aggiungere/sottrarre.

    :)

    Rispondi

  • Daniela Crudeli

    Daniela Crudeli

    26 Luglio 2017 at 13:38 | #

    Ho letto le varie domande sulla dieta cheto genica e trovo molto interessanti le risposte.
    Volevo sapere se conosci una linea di prodotti chetogenici Le Gamberi Food, se ne hai mai sentito parlare è cosa ne pensi.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Luglio 2017 at 14:51 | #

    Ciao Daniela,

    Non sono propenso all'utilizzo degli integratori, specie quelli venduti ormai con la stessa valenza di un vestito griffato.

    La chetogenica può essere fatta senza integratori "specifici per". Alcuni possono essere davvero utili, ma perché agiscono su particolari meccanismi o possono essere comodi, ma non andrei mai a scegliere ad esempio una pasta o un pane chetogenico.

    Non ha affatto senso.

    Senza considerare gli effetti negativi a livello di gusto/percezione dei sapori e quant'altro, una gran confusione per il nostro corpo.

    Meglio basare i pasti su alimenti veri, cibo serio, e gli spuntini come detto sopra con frutta oleaginosa/secca con elevata componente lipidica.

    :)

    Spero di essere stato utile.
    Un saluto

    Rispondi

  • Daniela Crudeli

    Daniela Crudeli

    26 Luglio 2017 at 15:43 | #

    Grazie per avermi risposto! Cercherò di seguire i tuoi consigli e risparmiando così un po' di soldi, visto quello ke costano!

    Rispondi

  • Serena

    Serena

    03 Agosto 2017 at 21:38 | #

    Buongiorno Vincenzo volevo sapere se gli affettati sono concessi

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    04 Agosto 2017 at 08:46 | #

    Ciao Serena,

    Sì, ma dai un occhio qui per gli affettati nello specifico: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/come-inserire-salumi-affettati-dieta

    Rispondi

  • ANGELA

    ANGELA

    19 Settembre 2017 at 11:34 | #

    buongiorno Vincenzo,
    volevo sapere se alcuni farmaci influenzano l'entrata in Chetosi, farmaci che contengono lattosio e saccarosio,
    Inoltre a me lo yogurt intero nn piace, va bene quello allo 0.1% di grassi, e come fare a capire se si è in Chetosi?
    effettivamente con la dieta chetogenica nn hai bisogno di mangiare tantissimo per saziarti.
    Grazie in anticipo

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Settembre 2017 at 14:42 | #

    Ciao Angela,

    il "tantissimo" è un po' aleatorio, bisogna capire se ciò che si mangia è adeguato per sostenere quella dieta nell'intervallo di tempo utile perché se ne traggano i benefici prefissati. :)

    Comunque,
    puoi usare lo yogurt con meno grassi (anche se è più salubre l'altro: dai pure un'occhiata qui -> https://www.oukside.com/shop/guide/guida-scelta-latticini)

    ma aggiungi una fonte di grassi, come una piccola manciata di mandorle o semi.

    Spero di essere stato utile.

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • Jojo

    Jojo

    21 Settembre 2017 at 06:23 | #

    Ciao, io sono obesa e dovrei perdere almeno 30 kg soprattutto per motivi di malattia autoimmune degenerativa della spina dorsale. È vorrei cominciare la dieta cheto. Vorrei sapere se fosse possibile riceve una dieta personalizzata per le mie esigenze, dato che non posso fare attività fisica. Anche a pagamento naturalmente. Grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    21 Settembre 2017 at 09:37 | #

    Ciao Jojo,

    La tua situazione è delicata, e sarebbe meglio affrontare la cosa in privato per poterti indirizzare a professionisti che possano aiutarti.

    Puoi scrivermi in privato qui: oukisde.com/me/vincenzo-tortora

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • Jojo

    Jojo

    22 Settembre 2017 at 22:22 | #

    Ciao Vincenzo, non riesco a scriverti in privato, c è un problema con l indirizzo che mi hai dato.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    25 Settembre 2017 at 09:19 | #

    Ciao Jojo,

    è sufficiente cliccare qui sopra: https://www.oukside.com/me/vincenzo-tortora
    (non è un indirizzo email ;) ).

    Rispondi

  • Anna

    Anna

    03 Ottobre 2017 at 23:39 | #

    Salve mi può dare un parere sulla dieta Mincidelice?
    Grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    04 Ottobre 2017 at 11:45 | #

    Ciao Anna,

    non confondiamoci: MinciDélice è un marchio che vende integratori.

    Integratori a base di alimenti succedanei di altri alimenti con contenuto proteico più elevato.

    La dieta proposta non è che una dieta con pochi carboidrati, pochi grassi, e più proteine rispetto alle diete "classiche".

    Ma tutti quegli alimenti hanno un risvolto non positivo: non riusciresti a mangiare sempre e solo quella roba.

    Se vuoi fare una chetogenica, falla di cibo vero, cibo serio.

    Uova, formaggi, carni (anche grasse), burro, lardo, olio, e via dicendo, sono tutti alimenti che danno grande soddisfazione.

    Bisogna togliere i carboidrati ed essere costanti.

    Ciò non toglie che il consumo di alimenti salubri e naturali sia sempre la base.

    Spero di aver chiarito ed essere stato utile.

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • MARCO

    MARCO

    14 Ottobre 2017 at 19:33 | #

    CIAO VINCENZO,una domanda ma quando dicono di ricare i carbo è giusto e in che cadenza
    grazie
    Marco

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Ottobre 2017 at 10:17 | #

    Ciao Marco,

    Dipende da cosa si vuole ottenere e chi vuole ottenerlo.

    Qui è spiegato quando e come modificare la dieta chetogenica introducendo i carboidrati per il contesto sport / fitness -> https://www.oukside.com/blog/nutrizione/carboidrati-dieta-chetogenica-fitness-sport

    Spero di essere stato utile.

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • bruna

    bruna

    16 Ottobre 2017 at 14:08 | #

    Ciao Vincenzo,
    mi chiedevo come mai spesso nelle diete cheto (on line!) sia citato il pane di segale.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Ottobre 2017 at 14:35 | #

    Ciao Bruna,

    Be' è una fonte di carboidrati "a basso indice glicemico" (anche se l'IG lascia il tempo che trovai; maggiori informazioni qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/indice-glicemico-5-motivi) e anche a basso carico glucidico: per 100 g ha pochi grammi di carboidrati.

    È però spesso usato come "contentino" per chi vuole avere l'idea di mangiare alimenti non chetogenici... Secondo me non sarebbe da utilizzare alcun alimento con carboidrati diretti presenti in esso.

    Soprattutto per questioni legate alla difficoltà di fermarsi a pochi grammi, una volta che questi alimenti vengono inseriti.

    Spero di essere stato utile.

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • bruna

    bruna

    16 Ottobre 2017 at 14:46 | #

    grazie mille!
    immaginavo fosse un palliativo :(
    quindi scegliendo tra le categorie di alimenti che hai definito, non ci sono rapporti da rispettare? ovvero posso mangiare non so, carne, verdure e formaggi senza pesare le rispettive quantità?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Ottobre 2017 at 16:51 | #

    Rispettando sempre quei rapporti descritti nell'articolo.

    La "bellezza" di diete di questo tipo è che le quantità saranno auto regolate: il senso di sazietà dato da proteine e grassi supererà la voglia di stra mangiarne. ;)

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • MARCO

    MARCO

    20 Ottobre 2017 at 19:20 | #

    molto grazie Vinenzo!!!

    Rispondi

  • Giovanna

    Giovanna

    25 Ottobre 2017 at 23:31 | #

    Ciao Vincenzo anche i vegetariani possono riuscire a fare una chetogenica? Se si con quali alimenti?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Ottobre 2017 at 09:03 | #

    Ciao Giovanna,

    Certamente: tutti quelli che daresti a chi non è vegetariano

    MENO

    carne/pesce.

    That's it. ;)

    Rispondi

  • Giovanna

    Giovanna

    26 Ottobre 2017 at 13:27 | #

    Grazie

    Rispondi

  • Luciano

    Luciano

    28 Ottobre 2017 at 11:41 | #

    Ciao ragazzi volevo scrivervi due parole riguardo alla questione proteine. C'e' un po' di confusione.

    Il nostro corpo ha bisogno di circa 0.8-1g/kg di proteine al giorno. Tutto il resto viene convertito in glucosio (zucchero) dal fegato tramite un processo chiamato gluconeogenesi.

    Quindi se assumete troppe proteine e pochi grassi, non sarete in chetosi e quindi non brucerete grasso.

    L'importante e' rispettare il rapporto 70-75% grassi e 20% proteine.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    30 Ottobre 2017 at 09:35 | #

    Ciao Luciano e grazie per il tuo input.

    Il ragionamento è giusto, i presupposti sbagliato.

    In particolare, non sono corrette queste asserzioni:

    1. "Il nostro corpo ha bisogno di circa 0,8-1 g/kg di proteine"; la realtà è che non esiste un numero che ci dica il fabbisogno, questo può essere solo individuato - in maniera approssimativa e grossonalana - sul contesto specifico della persona (rif. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19138405).

    2. "Tutto il resto viene convertito in glucosio (zucchero)"; la realtà è che senza un contesto di riferimento questa frase è molto fuorviante. Se parliamo post prandium o in altri momenti le cose cambiano, se parliamo di un contesto in cui la chetosi è già avviata oppure in una dieta con più carboidrati, le cose cambiano. Alcuni AA nelle proteine sono anche KETOGENICI oltre che GLUCONEOGENICI, quindi al massimo si potrebbe dire "Le proteine si convertono in glucosio EEE corpi chetognici, quindi potrebbero far uscire dalla chetosi, ma potrebbero anche fare entrare più profondamente in essa" (da cosa dipende, come detto, è dato dalle condizioni). (rif. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3636601/).

    3. "non sarete in chetosi e non brucerete grasso"; in realtà una dieta chetogenica VS non chetogenica, NEI CONFRONTI DELLA PERDITA DI GRASSI, non ha valore aggiunto (lo ha per altri motivi...) (rif. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16685046).

    4. "L'importante è rispettare il rapporto 70-75% grassi e 20% proteine"; in realtà l'importante PER RESTARE IN CHETOSI è... RESTARE IN CHETOSI. L'organismo produce corpi chetonici anche a partire da condizioni differenti. Quindi la frase corretta sarebbe "L'importante è che l'organismo abbia substrati per produrre corpi chetonici". Il RAPPORTO DEI MACRONUTRIENTI è importante, importantissimo, e qui usato come fattore semplificatore. MA NON È L'UNICO, come dimostrato da modelli di dieta chetogenica (che faceva produrre corpi chetonici) con addirittura moderate quantità di carboidrati (il segreto? Grassi MCT) (rif. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16685046).

    --

    Sulla chetogenesi, l'unico vero modo per capire (DOPO aver settato la dieta) se la condizione viene mantenuta, è testare (ketur + altre variabili utili) nel corso del tempo il mantenimento della "condizione chetogenica" (indipendemente dal modo in cui si è iniziato).

    Grazie per il confronto.

    Un caro saluto,
    Vincenzo.

    Rispondi

  • Luciano

    Luciano

    31 Ottobre 2017 at 21:12 | #

    Caro Vincenzo grazie per la lunga risposta. Qualche appunto.

    1) Sul fabbisogno di proteine, i miei libri di fisiologia dicono che un individuo normale ha bisogno di 0.8-1g/kg di proteine al giorno, preferibilmente amminoacidi essenziali che non possono essere sintetizzati dal nostro corpo.
    2) Lo studio che mi hai linkato e' pieno di valutazioni che non tengono conto dell'assetto ormonale dell'organismo sia pre he post prandiale. Infatti in questo passaggio:
    "It is, however, important to emphasize the fact that pancreatic hormones (insulin and glucagon) were clamped at basal levels in these two experiments, and this must have influenced the results. Indeed, another study performed in healthy subjects but without any control of the plasma hormone levels demonstrated that an infusion of AA led to a twofold rise in EGP, together with a threefold increase in gluconeogenesis"
    si evidenzia che un surplus di amminoacidi aumenta di molto la gluconeogenesi, e, attraverso l'insulina, la lipogenesi.

    3) Il problema della dieta tradizionale e' la presenza di zuccheri (glucosio e fruttosio), il secondo dei quali e' dannoso per il fegato, e l'attivazione di un circuito chiamato meso-limbo-corticale (chiamato anche circuito del piacere) e che ci fa ricercare sempre gli zuccheri in modo da costruire depositi di grasso per far fronte ai periodi di digiuno (com'era 200.000 anni fa). Non parliamo inoltre dei valori di HDL (colesterolo buono), LDL (colesterolo cattivo), trigliceridi, IGF-1, insulinemia. Tutti migliorati nella dieta chetogenica. Quindi in sostanza si ha una riduzione del rischio di contrarre malattie cardiovascolari e del rischio di avere un tumore. Esistono diversi studi in letteratura che lo dimostrano e inoltre dimostrano che in particolare nei diabetici, la dieta chetogenica sia superiore a quella tradizionale controllando i valori scritti sopra.

    4) La chetosi si ha per differenti motivi (tra cui diabete scompensato, ipertiroidismo, digiuno ecc.). L'importanza dei macronutrienti e' proprio quella di mettere a disposizione dell'organismo acidi grassi, che vengono trasformati in corpi chetonici. Se si assumono troppi carboidrati o proteine, il glucosio nel sangue aumenta, l'insulina aumenta, parte la glicogeno sintesi se le riserve sono deplete e tutto il resto va nei grassi di deposito grazie alle lipogenesi attivata dall'insulina.
    I carboidrati a mio avviso li consiglierei a chi va in palestra e vuole aumentare la massa magra (muscolare), visto che per il lavoro intenso e anaerobio ha bisogno necessariamente di glucosio.

    Infine per controllari i livelli di corpi chetonici, consiglierei degli esami del sangue o delle urine alla ricerca degli stessi.
    Le strips urinarie sono fatte per verificare livelli abbastanza elevati di corpi chetonici e potrebbero dare falsi negativi. Cosi' anche il test del respiro. Quindi le sconsiglio.

    Spero di essere stato esaustivo.

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    01 Novembre 2017 at 08:05 | #

    Buongiorno, è possibile seguire la dieta chetogenica in gravidanza? Grazie.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    01 Novembre 2017 at 09:37 | #

    Ciao Luciano e grazie ancora per il tuo contributo.

    Grazie anche per i ragionamenti descritti, per la precisione e la cura, sebbene siano presenti più o meno forti inesattezze.

    Queste sono dovute per la maggior parte a considerazioni che analizzano i dettaglio senza guardare il quadro globale.

    Nello specifico:

    1) Il *** FABBISOGNO *** proteico non può essere un numero; sarebbe come chiedere "Qual è il fabbisogno di carboidrati [o di grassi]?".

    O quale sia il *** fabbisogno *** energetico.

    Manca un contesto. E il contesto viene definito da innumerevoli fattori:
    - Corporatura, tipo corporeo, livello di grasso corporeo;
    - Livello di attività fisica, anzianità di allenamento, periodo dell'allenamento;
    - Stato di stress, stato emotivo, quantità e qualità del sonno;
    - Etc...

    2) Manca il contesto "Durante la chetosi". È noto (notissimo) che diete anche solo proteiche portino in chetosi. Prego di osservare che qui non servono gli studi a supporto, intasiamo solo la discussione. Basta andare su qualsiasi giornale scientifico che ne parli per capirlo.

    3) "fa male", "colesterolo buono", "colesterolo cattivo"... Sono espressioni male utilizzate.

    Vedere la nutrizione o qualsiasi altro fattore in maniera dicotomica (o buono o cattivo) è assai distante dalla descrizione di un modello che si avvicini alla realtà.

    Parlare del circuito mesolimbico in questa sede è troppo superficiale e, di nuovo, tiene fuori il contesto.

    Al di là delle inesattezze tecniche, non bisognerebbe parlare della sua attivazione o non attivazione, caso mai del suo grado di attivazione rispetto a "qualcosa" e capire se questo grado di attivazione è vantaggioso o svantaggioso (non è sempre l'uno o l'altro, dipende ancora dal contesto).

    Sul colesterolo, più e più volte è stato fatto notare che non è più valido il discorso buono VS cattivo (ad esempio: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/colesterolo-dietetico-colesterolo-plasmatico).

    4) Sulla prima parte sono d'accordo; questa volta si parla di *** TROPPI *** carboidrati/proteine. Ma è diverso da quanto presente nel primo messaggio.

    Ovvero, che l'importante sia rispettare quei rapporti specifici non è del tutto vero se non per una certa semplificazione (così come specificato nella riposta precedente).

    Sui test abbastanza d'accordo, anche se aggiungerei che il buon osservatore sa capire quando è in chetosi (o quando è in chetosi colui al quale ha indicato la dieta chetogenica).

    La sicurezza al 100% la si ha, certo, con analisi del sangue; ma sarebbe dispendioso e superfluo; è un test con grande accuratezza che però pecca di sensibilità.

    Meglio, per questioni di praticità, un metodo magari meno accurato ma più sensibile, paradossalmente l'auto analisi di fattori differenti da concentrazioni plasmatiche di "qualsivoglia sostanza".

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    01 Novembre 2017 at 09:40 | #

    Ciao Simona,

    non è impossibile ma è sconsigliato. È meglio seguire altre vie per il controllo del peso, in gravidanza.

    Consigli semplici e pratici sulla dieta in gravidanza sono presenti qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/cosa-mangiare-cibi-da-evitare-gravidanza

    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • simone

    simone

    04 Novembre 2017 at 17:17 | #

    ciao, per quanto tempo va protratta la dieta chetogenica o meglio dopo qualche settimana è necessario ricaricare con dei carboidrati?
    un altra informazione: per utilizzare qusto tipo di dieta è necessario conosere l'apporto calorico giornaliero?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    06 Novembre 2017 at 08:39 | #

    Ciao Simone,

    Per quanto andare avanti la risposta è uguale a quello che faresti in qualsiasi altra filosofia dietetica. Guarda qui per approfondire: https://www.oukside.com/blog/benessere/chiavi-miglioramento-fitness

    e anche questo: https://www.oukside.com/blog/benessere/dimagrimento-bloccato-non-solo-dieta-integratori

    Per quanto concerne il conteggio calorico, guarda questo video (1 minuto) che riepiloga l'articolo sugli alimenti concessi: https://www.youtube.com/watch?v=19H6D2CuToM

    Spero di essere stato utile,
    un caro saluto.

    Rispondi

  • Mimma Laino

    Mimma Laino

    04 Gennaio 2018 at 12:44 | #

    Si puo bere la tisana zenzero e limone in chetosi?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    04 Gennaio 2018 at 13:54 | #

    Ciao Mimma, sì, possibile e anche utile (ovviamente senza traccia di zucchero... ;) ).

    Rispondi

  • Nadia

    Nadia

    11 Gennaio 2018 at 19:25 | #

    Salve ho sentito dire che bisognerebbe evitare tutte le verdure e i tuberi che si trovano sotto terra, come anche zucca, pomodori e i peperoni. Me lo conferma? La vit A e i carotenoidi quindi dove li prendiamo? Grazie!

    Rispondi

  • Nadia

    Nadia

    11 Gennaio 2018 at 19:27 | #

    Salve ho sentito dire che bisognerebbe evitare tutte le verdure e i tuberi che si trovano sotto terra, come anche zucca, pomodori e i peperoni. Me lo conferma? La vit A e i carotenoidi quindi dove li prendiamo? Grazie!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    12 Gennaio 2018 at 08:44 | #

    Ciao Nadia,
    da evitare sono i tuberi come patate, patate americane, manioca, perché...

    Se prendi la tabella nutrizionale il loro apporto maggiore è DI CARBOIDRATI. Scompensano quindi i meccanismi che vuoi creare.

    Tutti gli altri invece... Puoi assumerli.
    Chi ti dice di no è perché vuole rendere difficile una cosa che è molto semplice e cioè:

    Proteine + Grassi + Verdure - Carboidrati = Dieta Chetogenica
    (con qualche accortezza sulla quantità di proteine)

    Ti consiglio questo per non avere dubbi: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/calcolatore-online-coefficiente-chetogenico
    (calcolatore online per la dieta chetogenica)

    Spero di aver chiarito.

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Alessia

    Alessia

    23 Gennaio 2018 at 09:26 | #

    Salve, è possibile consumare latte intero al posto dello yogurt? I dolcificanti ipocalorici possono essere consumati o ci sono delle restrizioni? Per quanto riguarda il cioccolato fondente , bisogna essere certi che non contenga zucchero aggiunto?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    23 Gennaio 2018 at 09:39 | #

    Ciao Alessia,

    Il latte intero potrebbe andare, a patto che sia in un pasto "chetogenico"
    (usa il calcolatore online per capire se un pasto lo è o meno: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/calcolatore-online-coefficiente-chetogenico )

    I dolcificanti meglio limitarli a un uso sporadico, dai un'occhiata sul perché qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/dolcificante-zucchero-ingrassare

    E sul cioccolato fondente: tendenzialmente lo zucchero c'è (tranne dal 90/95% in su), ma resta chetogenico per i motivi detti nell'articolo (prova a inserirlo nel calcolatore e vedrai che risulta esserlo).

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Angelo

    Angelo

    29 Gennaio 2018 at 14:21 | #

    Ma xchè i legumi (ceci meri, lenticchie, fave, fagioli, ecc.) Vanno assolutamente eliminati?
    Grazie
    Angelo

    Rispondi

  • Francesca M

    Francesca M

    31 Gennaio 2018 at 14:46 | #

    Ciao Vincenzo, un’informazione.
    In pratica ho bevuto del caffè con aggiunta di zucchero ed ero già in chetosi...ma tutto è successo perché non mi avevano avvisato che fosse stato aggiunto. :( Però premetto che ho girato solo due volte (dato che lo faccio a prescindere col caffè amaro,è abitudine insomma) e non era poi così tanto dolce...ma menomale!
    Che dici? Sono uscita dalla chetosi? Cosa comporterà?

    Attendo tue notizie..

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    31 Gennaio 2018 at 14:49 | #

    Dico che non dovresti farti problemi per questo tipo di accadimenti. Dieta Chetogenica non è "non poter vivere"; anzi, può essere qualcosa di molto semplice e proficuo...

    A meno che tu non abbia condizioni da controllare (e.g. neurologiche: emicrania, etc), tra le note negative che puoi provare è un aumento dell'appetito nelle ore successive all'assunzione di zuccheri...

    Tutto questo non per dire "Stai tranquilla, fa' come ti pare" ma per dire "Se succede che assumi un po' di zucchero, dopo qualche ora tutto torna nella norma",

    ;)

    Spero di essere stato chiaro
    un caro saluto

    Rispondi

  • Francesca

    Francesca

    31 Gennaio 2018 at 16:46 | #

    Sei stato chiarissimo...grazie mille davvero. :)

    Rispondi

  • Elisabetta

    Elisabetta

    02 Febbraio 2018 at 09:20 | #

    Molto interessante! Volevo chiedere perché non si può fare la dieta chetogenica se si è in stallo da tanto tempo? Perché sarebbe il mio caso... sono dimagrita 10 kg 2 anni fa ma poi il mio peso è restato più o meno fisso con oscillazioni di pochi chili, pur restando a dieta. Volevo quindi provare una dieta chetogenica per vedere se riesco a dimagrire con questo metodo

    Rispondi

  • Elisabetta

    Elisabetta

    02 Febbraio 2018 at 10:22 | #

    Aggiungo che è da un mesetto che sto facendo la dieta Atkins e diciamo che ho perso i chili che avevo preso durante le vacanze di natale però mi aspettavo di dimagrire di più...

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    02 Febbraio 2018 at 15:35 | #

    Ciao Elisabbetta,
    trovi la risposta alla tua domanda qui: https://www.oukside.com/blog/benessere/sovrallenamento-affaticamento-surrenalico

    Dovrebbe essere tutto chiaro; in caso non lo sia, chiedi pure.
    Un caro saluto,
    Vincenzo

    Rispondi

  • Rosaria

    Rosaria

    03 Febbraio 2018 at 18:02 | #

    Ciao Vincenzo,una domanda.
    Mi è capitato ieri di sgarrare dopo 7gg di chetogenica fatta alla lettera e perso dopo aver perso 3kg (era una cerimonia,inevitabilmente in queste situazioni si sgarra) oggi ho ricominciato la chetogenica..che dici va bene?
    So che dovrò aspettare altri 3gg/4gg per rientrare in chetosi,ma avevo bisogno di un tuo parere.
    Grazie in anticipo.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Febbraio 2018 at 09:31 | #

    Ciao Rosaria: forse è meglio riconsiderare cosa sia "sgarro" :-)

    1 volta alla settimana è DOVEROSO concedersi libertà (e far rimanere a bocca aperta tutti coloro che poi ti dicono puntualmente "Ma come fai a mangiare così tanto e stare così bene?").

    Guarda anche questo: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/carboidrati-dieta-chetogenica-fitness-sport

    Un caro saluto

    Rispondi

  • myri

    myri

    05 Febbraio 2018 at 12:10 | #

    Ciao Vincenzo, vorrei iniziare la chetogenica, ma devo entrare bene nella logica delle proporzioni e i rapporti proteine/grassi senza complicarmi troppo la vita :) intanto ti faccio alcune domande..
    -La frutta è da bandire completamente anche per esempio prugne o albicocche secche?
    -Come colazione può andare per esempio uno yogurth con frutta secca e cioccolato fondente?
    -Un bicchiere di vino rosso ogni tanto è possibile?
    -L'aceto di mele lo posso usare come condimento assieme all'olio sale e pepe nell'insalata?
    -Posso continuare ad assumere multivitaminici che ho da poco iniziato ad assumere o meglio sospendere?
    -Verdure (quelle permesse che leggevo sopra) ne posso mangiare in quantità desiderate senza preoccuparmi troppo o devo stare attenta?
    Grazie molte! :D

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Febbraio 2018 at 13:01 | #

    Ciao Myri
    tutte le tue domande trovano risposta parte nell'articolo (ad esempio i multivitaminici: sì, a parte quelli che hanno zuccheri; ma se in capsule il problema non si pone)

    e tutto il resto qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/calcolatore-online-coefficiente-chetogenico

    :)

    La risorsa completa invece è "Ketogenic Diet K", la seguente: https://www.oukside.com/shop/ebook/ketogenic-diet-k
    che, tra le altre informazioni, contiene una sezione FAQ che replica praticamente le risposte alle tue domande

    Spero di essere stato utile
    un caro saluto :)

    Rispondi

  • myri

    myri

    06 Febbraio 2018 at 18:55 | #

    Grazie Vincenzo! Ti chiedo altre due cose per chiarirmi le idee prima di cominciare seriamente (per ora la sto solo testando eliminando tutti i carboidrati possibili).
    Dunque.. le calorie assunte giornalmente devono rientrare in un range oppure sono ''libere''? Perchè trovo difficile regolarmi e limitarmi se so che non vanno calcolate ai fini di perdere qualche chilo..
    Altra cosa.. se io, poniamo esempio, acquisto degli hamburger già preparati quindi contenenti suppongo anche zucchero, fecola di patate e quant'altro di vietato nella dieta chetogenica, ma il KR è comunque > 1, posso mangiarli tranquillamente? (faccio questo esempio ma è chiaro da estendere con qualsiasi altro alimento già preparato)
    Grazie molte per la pazienza!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Febbraio 2018 at 08:45 | #

    Ciao Myri,
    hai i macronutrienti da assumere, sono loro a darti i range di assunzione.

    Su quegli hamburger
    1. Dovresti evitarli a prescindere: https://www.oukside.com/shop/ebook/inganno-alimentare
    2. Ti bastano 120 secondi aggiuntivi, per acquistare macinato qualitativo, compattarlo con le tue mani (senza aggiunte, che non siano di spezie ed eventuali condimenti) e metterlo in padella. :)
    Risultato molto più salubre e infinitamente più gustoso.

    Spero di essere stato utile
    un caro saluto

    Rispondi

  • myri

    myri

    07 Febbraio 2018 at 10:41 | #

    Grazie! però penso a molti altri prodotti come ad esempio anche il cioccolato fondente al 99% che ha zucchero all'interno eppure mi sembra sia consentito, idem lo yogurth.. scusa se insisto ma non vorrei mai sbagliare in contraddizioni e compromettere il risultato finale della dieta.. Grazie

    Rispondi

  • raffaella

    raffaella

    07 Febbraio 2018 at 10:47 | #

    Buongiorno Vincenzo,,
    vorrei sapere se secondo lei delle barrette con le seguenti informazioni nutrizionali e ovviamente aggiungendo 5 mandorle con cui si avrebbe KR>1 potrebbero essere usate in dieta chetogenica :

    energia 98,70 Kcal
    grassi 2,03 g
    carboidrati 2,24 g
    zuccheri 0,74 g
    polioli 0,74 g
    fibre 9,10 g
    proteine 13,65 g
    sale 0,04g

    Ingredienti:
    proteine del latte,
    isomalto-oligosaccaridi,
    acqua,
    cacao in polvere,
    mandorle,
    umidificante(eritrolo),
    aromi,
    acidificanti(acido citrico),
    conservanti(benzoato di sodio),
    edulcorante (sucralosio)

    Grazie mille
    Raffaella

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Febbraio 2018 at 10:48 | #

    Ciao Myri,
    quello che dici sarebbe corretto se il corpo fosse una sorta di deposito dei nutrienti.
    Anche se a livello microscopico lo zucchero è sempre zucchero, a livello macroscopico le interferenze alimento-uomo-ambiente VANNO considerate.
    Mentre nel cioccolato trovi zuccheri, talvolta integrali, talvolta propri dei semi di cacao, nel prodotto da te detto sopra trovi zuccheri non solo ottenuti per raffinazione e con processi industriali che ne alterano le caratteristiche, ma associati ad altri "dubbie" sostanze, conservanti, farine raffinate, etc.

    ;)

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Febbraio 2018 at 10:53 | #

    Ciao Raffaella,
    puoi usare questo tu stessa per controllare, l'accesso è gratis: https://www.oukside.com/strumenti/calcolatore-online-dieta-chetogenica

    ----

    Sulle barrette: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/barrette-enerzona

    --

    In generale: c'è cibo e CIBO,
    non bastano solo i macronutrienti per capire se una dieta è "buona" o "cattiva" (compresa la Dieta Chetogenica).

    Tutti questi discorsi vengono sempre uno step DOPO la scelta della qualità degli alimenti (per lo meno per una buona percentuale di tutta la dieta; poi, oh, la "schifezzina" che non superi il 5-10% di tutto ciò che mangiamo, ci può stare).

    ----> https://www.oukside.com/shop/ebook/cibo-serio

    Rispondi

  • Ludovica

    Ludovica

    07 Febbraio 2018 at 11:11 | #

    ciao si anche io sarei interessata a saperne di piu su questi ''ingredienti nascosti'' poi vorrei sapere se per esempio le arachidi sono concesse come frutta secca o se vengono considerate legumi quindi da evitare e se tutta la frutta secca è concessa. e l a passata di pomodoro si può mangiare? leggevo che i pomodori non sarebbero molto indicati..
    un ultima cosa:tra i pesci si può consumare anche salmone affumicato? ti ringrazio anticipatamente

    Rispondi

  • lamy

    lamy

    07 Febbraio 2018 at 11:13 | #

    Grazie Vincenzo! In sostanza il messaggio è che più sano e semplice è meglio fa :)

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Febbraio 2018 at 11:26 | #

    Ciao Ludovica,
    da un lato rientriamo nelle domande alle quali ti risponde il "coefficiente chetogenico" :)
    Pomodori, frutta secca, etc. guardali SEMPRE con la formula, che, ripeto ora è fruibile online qui: https://www.oukside.com/strumenti/calcolatore-online-dieta-chetogenica

    Sulla qualità degli alimenti, invece, non saprei essere più specifico di questo:
    ---- Scegli tutto ciò che:
    1- O esiste in Natura e devi solo cucinare
    2- O il processo con cui viene prodotto non richiede strumenti o sostanze che non introdurresti nel tuo corpo (esempio banale: per farti una bistecca, ci butteresti dentro un po' di nitrato e del glutammato di sodio, così "tanto per"? :) )
    -----

    Per il resto, l'Esperto di questo campo è Gianpaolo Usai; le sue guide sono pietre miliari della scelta consapevole alimentari e averle non dà solo una "infarinatura" (termine azzeccato) ma fa capire da cosa stare lontani e cosa invece comprare tranquillamente (anche spendendo poco) --> https://www.oukside.com/shop/ebook/inganno-alimentare


    Spero di essere stato utile
    un caro saluto

    Rispondi

  • Leonardo

    Leonardo

    07 Febbraio 2018 at 12:49 | #

    Buongiorno Vincenzo ho dei dubbi in merito all'apporto calorico. Mi spiego. Con le calorie più o meno capisco quanto sto assumendo ma con questo sistema non mi è chiaro se c'e un massimo e un minimo da rispettare. Vorrei dimagrire circa 6-7 chili ma quello che ingerisco con questa dieta mi sembra a fine giornata molto calorico superando in alcuni casi il valore giornaliero consigliato. Potresti spiagarmi bene questo punto e se c'e un limite consentito al giorno per ogni macronutriente (quanto per grassi, quanto per carboidrati, quanto per proteine)
    Grazie , una buona giornata!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Febbraio 2018 at 09:16 | #

    Ciao Leonardo; ho due domande io per te :)

    1. Consigliato da chi?
    2. Consigliato a che scopo?

    Prima di rispondere, leggi con attenzione questo: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/calorie-in-vs-calorie-out

    ;)

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Leonardo

    Leonardo

    08 Febbraio 2018 at 09:51 | #

    Grazie mille Vincenzo sei stato illuminante
    Quindi mi confermi che non sono importanti le calorie quanto piuttosto quello che ingerisco.. una cosa leggevo pero che non mi è chiara..come quantità allora vado a percentuali corporee o un po a ''sazietà'' ?grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Febbraio 2018 at 11:10 | #

    Ciao Leonardo
    l'importanza le calorie le avrebbero se quello che conti sulle etichette corrispondesse a quello che effettivamente ricavi nel tuo corpo.
    Insomma: i princìpi della termodinamica restano inalterati :D
    Energia IN = Energia OUT e su questo non ci piove.

    Ma siamo ben lontani da calcolare con precisione l'una e l'altra cosa, perciò le "calorie" potrebbero fuorviarti.

    Bada bene però: quello che fai con la chetogenica, non è non dare limiti, li dai proprio partendo dai nutrienti. Se fai due calcoli, capisci che i paletti vengono posti "a monte" (proprio per il fatto che non superi certi limiti, ad esempio proteici).

    Hai già provato questo? https://www.oukside.com/strumenti/calcolatore-online-dieta-chetogenica

    Rispondi

  • Leonardo

    Leonardo

    08 Febbraio 2018 at 18:56 | #

    Grazie Vincenzo, sei gentilissimo! si lo avevo provato, ma i risultati che vengono fuori sono da considerare giornalmente? tipo nel mio caso vengono fuori 112.5 proteine, 135 grassi.. come devo considerare questi parametri? grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    08 Febbraio 2018 at 19:53 | #

    Sì, 24 h!
    Quei parametri... Sono "ok". Ora tutto sta a provare e poi calibrare nel corso del tempo in base ai risultati. :)

    Rispondi

  • Ludovica

    Ludovica

    12 Febbraio 2018 at 09:59 | #

    Ciao vincenzo, grazie per i tuo consigli, ho da porti una domanda.. sto facendo la chetogenica rispettandola praticamente alla lettera, quindi eliminando tutti i carboidrati e limitando tutti i prodotti che ne conengono anche in basse quantità, ma oltre a non vedere risultati, sono addirittura aumentata di peso. Com'è possibile? Dove sbaglio? ti ringrazio, una buona giornata!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    12 Febbraio 2018 at 10:49 | #

    Considera sempre che il corpo risponde nel modo migliore per quella che ritiene la sua evoluzione. Non ci sono "errori", ma soltanto stimoli e reazioni a qualcosa.

    Non sempre "restringere" fa perdere peso e in ogni caso va analizzato il tutto da tutte le prospettive in gioco: la prima che può venire in mente leggendoti quella che mette in correlazione BREVE vs LUNGO termine.

    E in tal caso, ecco una possibile spiegazione -> https://www.oukside.com/blog/nutrizione/2-settimane-cliente-peggiorato-effetto-whooshing

    Spero di essere stato utile
    un caro saluto

    Rispondi

  • Ludovica

    Ludovica

    12 Febbraio 2018 at 16:51 | #

    quindi dovrei perseverare anche senza vedere risultati?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    13 Febbraio 2018 at 08:57 | #

    Risponderti così su due piedi non è semplice, bisognerebbe sapere tutto il tuo trascorso.

    In linea di massima: non si possono tirare le somme di un cambiamento dietetico dopo meno di 3-5 settimane; quindi, se sei dentro questo limite ti dico, sì, persevera. Altrimenti non sai mai con buona attendibilità qual è la "dieta migliore per te".

    Se sei già oltre, perseverare potrebbe essere peggio, quindi devi fare prima un periodo in cui mangi di più, come questo:
    https://www.oukside.com/blog/nutrizione/dieta-ipocalorica-lungo-termine-plateau-break

    ------

    Se poi hai bisogno di una struttura che ti faccia raggiungere i risultati che cerchi e mantenerli sul lungo termine, dai un occhio a questa pagina: https://www.oukside.com/coaching


    Un caro saluto

    Rispondi

  • Lilli

    Lilli

    13 Febbraio 2018 at 23:58 | #

    Salve Vincenzo,
    Avrei una curiosità,sto seguendo la chetogenica da 4 giorni,e mi aiuto con l’app FatSecret per vedere la distribuzione sei macro nell’arco della giornata.
    Per una cheto che si rispetti i carboidrati dovrebbero essere circa il 5% dellapporto calorico giornaliero. Il problema è che anche mangiandoli solo attraverso le verdure(insalata,e per lo più verdure crude) e con lo yogurt della colazione non riesco a stare in quel range. E la percentuale giornaliera è di circa il 18/20%.
    I pasti hanno tutti un KR>1 e anche se può non essere rilevante diciamo che giornalmente assumo circa 1300/1400kcal.
    Allora mi chiedo dov’e Il problema? Non vorrei che sbagliando in qualcosa abbia difficoltà ad entrare in chetosi.
    Grazie.
    Ps. Complimenti per il blog! Davvero esauriente ed illuminante

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    14 Febbraio 2018 at 09:05 | #

    Ciao Vincenzo! Ho letto attentamente questo articolo e finalmente ho trovato ciò che cercavo! Chiaro esauriente e preciso! Da lunedì ho ricominciato con questo tipo di dieta perché devo perdere molti kg e, avendola già provata, so che è davvero l'unica in grado di farmi perdere peso!
    Avevo, tempo fa, seguito la metabolica perché lo credevo un buon compromesso, in realtà mi sono resa conto che per me non va bene, i due giorni, o anche uno di ricarica, facevano si che prendessi in un solo giorno tutto ciò perso in 6! Leggevo però nei tuoi commenti, che sarebbe doveroso fare uno strappo a settimana, quindi lo consigli consigli un solo pasto che esca dalla cheto, ad esempio non so, una pizza..e da fare ogni settimana oppure solo ogni tanto? E in quel giorno per gli altri pasti sempre cheto? Entrare e uscire dalla chetosi può creare problemi? Scusa le mille domande ma vorrei seguirla bene stavolta!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    14 Febbraio 2018 at 09:14 | #

    Ciao!
    Una volta/settimana il "cheat meal" deve esserci, per svariati motivi: fisiolgici + psicologici.

    Facendo attività (e se sei qui... La fai), puoi concederti tanto in quel solo pasto. L'importante è che sia concentrato, quindi in un "tot di ore" e non 2 giorni completi...

    La Metabolica infatti sembra consigliare di fare così per 48 ore, in effetti è vero, ma in realtà fa elevare solo moderatamente i carboidrati.

    Io parlo di innalzamenti più cospicui in poche ore (200-400 g in dipendenza dal livello attuale e dell'allenamento).

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    14 Febbraio 2018 at 09:16 | #

    Ciao Lilli,
    FatSecret è una App fantastica...

    ... (senza offesa) per i dilettanti :D
    (idem MyFitnessPal)
    Scherzi a parte, è il momento di disinstallarla e basarti su questa: https://www.oukside.com/strumenti/calcolatore-online-dieta-chetogenica

    PS: pochi giorni non sono sufficienti per valutare se "stai andando bene", nonché per l'ingresso in chetosi (possono volerci 10-15 giorni).

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    14 Febbraio 2018 at 13:52 | #

    Grazie mille per la risposta, allora, se ho capito bene, posso stabilire nell'unica volta a settimana di concedermi lo sfizio purché sia concentrato in un unico pasto e negli altri 2 continuare come faccio regolarmente con pasti cheto, però, correggimi se sbaglio, sarebbe meglio fare il cheat meal a pranzo, im modo da smaltire i carboidrati con l'attività fisica che, diversamente, a cena non si smaltirebbero.

    Rispondi

  • Lilli

    Lilli

    14 Febbraio 2018 at 14:15 | #

    Grazie per la risposta,ed in effetti il KR me lo calcolo proprio sulla pagina del link che mi hai postato.
    E mi ci trovo benissimo,difatti ogni pasto ha un KR>1
    Quello che non riesco a capire è se vada bene che la percentuale di carboidrati giornaliera sia superiore a come dovrebbe essere in una Dieta Chetogenica.
    Per esempio la mia giornata di ieri è stata strutturata in: 19% carbo 48% di grassi e 33% proteine.
    Secondo il rapporto giornaliero fatto sempre sulla pagina che mi hai linkato dice che ho assunto troppe proteine.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    14 Febbraio 2018 at 14:33 | #

    Il tuo corpo non "smaltisce", il tuo corpo investe e poi decide come riprendere :)
    E poi chi ti convince a ritornare ad alimenti "dietetici" dopo aver assaporato prelibatezza "fuori dieta"?

    :)

    Nella maggior parte dei casi, è meglio fare pasti abbondanti a cena, salvo situazioni particolari.

    Dai un'occhiata anche qui-> https://www.oukside.com/blog/nutrizione/digiuno-intermittente-come-funziona

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    16 Febbraio 2018 at 13:36 | #

    Grazie mille! Consigli ottimi, io sono già in chetosi ma lo sapevo perché ci entro subito, mi bastano 2 3 giorni, l'unico mio problema rimane la colazione, è sempre il pasto che faccio fatica a impostare quando faccio la chetogenica, poi il mio problema è che mi piace cambiare, quindi una mattina magari del tacchino/pollo (affettati) un altro yogurt intero o latte (aggiungendo ovviamente grassi in modo da arrivare ad un kr maggiore di 1) e poi?? Consigli?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Febbraio 2018 at 14:29 | #

    Ciao Manu,
    eh, non così tante altre cose purtroppo.

    Avocado e salmone
    Burro d'arachidi e proteine in polvere
    Yogurt, cocco e cacao
    (così, le prime che mi son venute in mente; ma sono poco bravo in "ricette" :) ).

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    16 Febbraio 2018 at 15:09 | #

    Mi inventerò qualcosa, il Burro di arachidi lo mangio anche, utilizzo quello fatto di solo arachidi ed è ottimo, il salmone al mattino non ce la faccio proprio, è più forte di me! Comunque Grazie mille per tutti i consigli!

    Rispondi

  • Ale :)

    Ale :)

    19 Febbraio 2018 at 01:05 | #

    Ciao Vincenzo,
    Volevo innanzitutto complimentarmi per i tuoi articoli e per la lezione sulla dieta chetogenica della SNS. Ti scrivo perché ho un dubbio.. Una mia paziente mi ha chiesto di prepararle uno schema alimentare chetogenico,
    in quanto i suoi medici gliel'hanno consigliato in vista di un'inseminazione artificiale. Tu che opinione hai a riguardo? Grazie

    Rispondi

  • Daniele

    Daniele

    19 Febbraio 2018 at 01:45 | #

    Devo essere onesto, mi sembrano tutte cazzate, a partire dalla formula.
    Se il risultato è maggiore di 1 va bene altrimenti no? allora a cosa serve aggiungere i grammi di proteine nel calcolo? A niente, non fa altro che far avvicinare di più a 1 il risultato ma non ne cambierà mai la natura: ciò che è chetogenico rimane tale e ciò che non lo era pure:
    un pasto con 100g di grammi di grassi e 50g di carboidrati ha un rapporto di 2, aggiungendo al conteggio 100g di proteine che vanno metà e metà il risultato diventa 1,5 che è sempre chetogenico.
    Una mancanza così grave a livello di matematica delle scuole medie mi fa mettere in dubbio tutto quello che c'è scritto in questo articolo.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Febbraio 2018 at 09:08 | #

    Ciao Ale e grazie per il tuo commento
    "Se l'hanno detto i Medici"...

    La KD può aiutare in caso di difficoltà di concepimento, ma dipende dalla situazione iniziale (obesità/sovrappeso, resistenza insulinica...).
    Insomma: potrebbe essere utile anche altro. La KD non deve diventare uno strumento tutto o nulla: cioè, o faccio quello, o niente. Certo aiuta, ma in alcuni casi può essere più qualcosa che complica piuttosto che semplificare.

    Spero di essere stato d'aiuto
    un caro saluto

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Febbraio 2018 at 09:15 | #

    Buongiorno Daniele,
    ti ringrazio e ringraziamo a nome di tutti per l'appunto algebrico.

    C'è solo un problema, che fatichiamo tutti a comprendere: esattamente, di cosa stai parlando?

    Probabilmente non hai letto con attenzione o comunque hai capito male o, ancora, hai letto con in testa altri concetti...

    La sintesi (nel caso non l'avessi già fatta tu) è:

    - Il pasto è chetogenico sì o no?
    --- Se KR > 1 -----> Sì
    --- Se KR < 1 -----> No

    Nessuno aggiunge proteine, nessuno distorce il calcolo: la formula è "post hoc", cioè viene utilizzata a conti fatti (a conti di macronutrienti).

    Quindi...
    non so come dire, sì, hai ragione, ma: cosa c'entra col contenuto?

    :)

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    19 Febbraio 2018 at 10:28 | #

    Ciao Ale, è una prassi abbastanza comune prima di tecniche di PMA far fare una dieta chetogenica in quanto migliora la qualità ovocitaria.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Febbraio 2018 at 10:49 | #

    Grazie di questo input Raffaella.
    Qui faccio io una domanda. Può essere altrettanto proficuo abbassare i carboidrati senza entrare per forza in chetosi?

    Mi sembra non ci siano veri e propri studi di confronto tra
    "low carb senza chetosi"
    "chetogenica vera e propria"

    (ma sì tra "low carb/chetogenica" e "classica/non-low-carb")

    Grazie
    Un caro saluto

    Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    19 Febbraio 2018 at 11:01 | #

    se la tua domanda è in relazione alla PMA no ... nel senso che in previsione del pick up (prelievo ovocitario) e in fase di stimolazione quindi per una durata di almeno 15/20 giorni ma anche oltre sono concessi come alimenti solo carne,pesce uova e verdure quindi direi una chetogenica nel vero senso della parola anche se loro nel protocollo la chiamano iperproteica.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Febbraio 2018 at 11:15 | #

    Ok,
    come pensavo quindi, l'interesse non è tanto per i chetoni quanto per la "low carb".

    È trasversale, ma un po' come il protocollo qui proposto: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23688334

    Grazi mille per il chiarimento ;)
    un caro saluto

    Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    19 Febbraio 2018 at 11:24 | #

    si in questo senso si ... ma difficile con uno schema come quello proposto non entrare in chetosi ... quindi sarebbe da capire se effettivamente il miglioramento di alcuni parametri sono legati anche alla chetosi, comunque sono sempre più convinta che i carboidrati come una bella pizza facciano solo bene all'umore ... ma sono una rovina ... io da quando ne faccio a meno sono decisamente rinata ...

    Rispondi

  • marina

    marina

    19 Febbraio 2018 at 15:55 | #

    Ho 19 anni, 1.69, 77 Kg, faccio danza per tre giorni la settimana per circa 10 ore7week, è attività anaerobica. Ho bisogno di perdere pesp per una questione di scena e vorrei iniziare ...
    Mi sembra tutto troppo semplice. Secondo voi ho capito? Riassumo:
    La mattina cappuccino al bar (ma avete consigli su cosa posso abbinare per fare un pasto proteico senza affiancare un uovo che in bar sarebbe bruttino da vedere?)
    A pranzo bistecca e verdure verdi, a cena pesce e verdure (no patate, carote, si spinaci, cavoli, broccoli, zucchine, melanzane, peperoni)
    Merenda la mattina a scuola cioccolato al 70% e un frutto fresco e frutta secca e al pomeriggio un bicchiere di latte con proteine (ne ho a casa e devo finirle) e frutta secca.
    So che il frutto non è l'uideale ma non saprei cosa mangiare di veloce (magari una barretta?) ma per il resto potrebbe essere giusto?
    Ovviamente ad ogni pasto bisognerebbe calcolare il KR>1
    Vitamine? Carboidrati un pasto la settimana (sabato o domenica sera?)
    Siate pazienti accetto mille mille consigli.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    19 Febbraio 2018 at 16:06 | #

    Ciao Marina,

    prima cosa: ATTENZIONE. Parliamo di semplificazione, non di semplicismo. Vale a dire: vista dall'ottica di un professionista Nutrizione/Dieta, creare una dieta chetogenica è semplice.
    Sulla carta è semplicissimo...
    proteine+verdure+grassi. STOP.

    Ma attenzione: questo va inserito in un contesto AMPIO.
    L'articolo ti dice come fare i calcoli, ma non se quel tipo di dieta è adatto a te oppure inseribile nel tuo contesto.

    Questo è lavoro che deve fare un professionista che ANALIZZI NEL DETTAGLIO la tua situazione; potrebbe poi servirsi di una Dieta quale la Chetogenica, in particolari periodi (magari brevi), come anche fare tutt'altro.

    Questo è il motivo per cui le Diete Chetogeniche sono state sempre mal viste.
    Prendi come esempio la Dieta Dukan. Tralasciando alcuni flop e alcune teorie strampalate (ti dice di togliere alcuni alimenti non si sa per quale motivo), molte persone pensano sia il demonio perché poi...

    "Riacquisti tutto il peso perso"

    Ma questo non è vero: riacquisti il peso perso perché non sai come passare da quella dieta, che dà un certo stimolo (forte) al tuo corpo, a qualcosa che diventi via via più morbido finché non trovi la tua stazionarietà (o equilibrio, se vogliamo).



    Fatta questa premessa, posso anche dirti
    "Tutto ciò che hai scritto è giusto, e hai capito bene. D'altronde, come detto, è semplice programmare la KD..."

    ma ti dico anche

    "NON È DETTO che serva a te adesso"

    +

    "Bisognerebbe GIÀ sapere cosa fare nel lungo termine, dopo questo tipo di dieta".

    Prima di affrontare un percorso difficile (spesso tortuoso) dai un'occhiata anche alla parte gratuita in questa pagina www.oukside.com/coaching
    sicuramente ti dà indicazioni per un approccio più EQUILIBRATO.


    Scusa la lunga risposta, ma avendo visto la tua giovane età e il tipo+quantità di attività che fai, mi è sembrato giusto mettere i vari paletti...
    ;)

    Rispondi

  • Marina

    Marina

    19 Febbraio 2018 at 20:58 | #

    Mia madre ha fatto la Dukan e si è trovata benissimo finché era in pieno regime. Poi ha perso il controllo quando ha dovuto abituarsi ad aggiungere grassi e carboidrati. Io sono stata seguita da vari professionisti ma nessuno è mai riuscito a trasmettermi la tranquillità e la motivazione che speravo. Ecco perché volevo tentare un "fai da te". Ero stata avvicinata da amica rappresentante della Juice plus ed ho pensato che proteine per proteine come dici tu almeno le mastico. Tra l'altro io amo la verdura ed ho l'impressione che questo regime potrebbe essere il mio. Cerco coach motivante... accetteresti la sfida? Mi sembri in gambissima

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    20 Febbraio 2018 at 09:33 | #

    Il tuo messaggio è lusinghevole e mi ha fatto sorridere (in senso buono).
    Non so se sono in gambissima, ma so che prima ancora degli aspetti tecnici (che dieta fare, come funziona questo o quello), al centro va messa la persona nella sua interezza (cioè TUTTO TUTTO TUTTO; incluse cose che sembra non c'entrino niente).

    Non rifiuto direttamente la proposta MA, davvero, prima di tutto ti chiedo di avere una panoramica su quella sezione ( www.oukside.com/coaching)
    eventualmente nel servizio completo troveresti anche me dall'"altra parte".
    Nel frattempo, attenta ai venditori... Che sia Juice Plus o _miracoli_da_bere_premium_ , come hai detto tu: alla fine dei giochi devi pensare al BREVE (risultato che vuoi ottenere di qui a qualche settimana) e al contempo al LUNGO termine (ciò che devi cucire addosso a te).

    ;)

    Rispondi

  • Amy

    Amy

    23 Febbraio 2018 at 15:03 | #

    Salve Vincenzo,
    Ho letto bene l'articolo e intendo cominciare la dieta chetogenica fra pochi giorni, avrei cmq qualche domanda da fare:
    Per quanto tempo potrebbe essere protratta la dieta senza controindicazioni? Io dovrei perdere circa 6kg sono normopeso ora ma ho messo su massa grassa e vorrei eliminarla, mi alleno regolarmente in palestra, spero di poter perdere in fretta i chili di troppo..
    I primi giorni della dieta saranno quelli più difficili suppongo per il nostro corpo che dovrà abituarsi al nuovo regime alimentare e riuscire a trarre energia dai grassi (tempo e fatica in più) e non più dai monosaccaridi, cosa consiglia di fare? Iniziare la dieta senza fermarsi fino al raggiungimento dell'obbiettivo? Suppongo che ci verrà a provare una voglia pazzesca di zuccheri (essendo in più golosa) come si può affrontare? Sintomi da primi giorni mal di testa, stanchezza, debolezza, quanto bisogna bere? Problemi di stitichezza? Bisogna avere un giorno libero a settimana o si potrebbe perdere il controllo? Cosa consiglia meglio di fare??
    Ringrazio in anticipo. :)

    Rispondi

  • Amy

    Amy

    23 Febbraio 2018 at 15:08 | #

    Salve Vincenzo,
    Ho letto bene l'articolo e intendo cominciare la dieta chetogenica fra pochi giorni, avrei cmq qualche domanda da fare:
    Per quanto tempo potrebbe essere protratta la dieta senza
    controindicazioni? Io dovrei perdere circa 6kg sono normopeso ora ma ho messo su massa grassa e vorrei eliminarla, mi alleno regolarmente in palestra, spero di poter perdere in fretta i chili di troppo..
    I primi giorni della dieta saranno quelli più difficili suppongo per il nostro corpo che dovrà abituarsi al nuovo regime alimentare e riuscire a trarre energia dai grassi (tempo e fatica in più) e non più dai monosaccaridi, cosa consiglia di fare? Iniziare la dieta senza fermarsi fino al raggiungimento dell'obbiettivo? Suppongo che ci verrà a provare una voglia pazzesca di zuccheri (essendo in più golosa) come si può affrontare? Sintomi da primi giorni mal di testa, stanchezza, debolezza, quanto bisogna bere? Problemi di stitichezza? Bisogna avere un giorno libero a settimana o si potrebbe perdere il controllo? Cosa consiglia meglio di fare??
    Ringrazio in anticipo. :)
    Un'altra domanda, in media quanti chili si perdono a settimana? Si arriva ai 2kg?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    23 Febbraio 2018 at 16:00 | #

    Ciao Amy,
    hai posto tante domande su nozioni di dietetica su cui bisognerebbe passare oltre (anche se molti Professionisti - purtroppo - ragionano ancora anch'essi in questo modo).
    Quindi: via dalla testa "quanto perdere a settimana"
    e via anche "quanto perdere in totale"

    Il tuo scopo non è certamente ridurre il numero che la bilancia segna quando ci sali sopra, semmai questa è una conseguenza del tuo obiettivo primario: stare meglio.

    Con la KD ottieni dei benefici perché adatti il tuo corpo al metabolismo lipidico, per la maggior parte, e questo nel "dietro le quinte" porta a tanti benefici che poi tu avrai in termini pratici e a lungo termine. A patto che sappiamo come "usare" la KD o qualsiasi altro tipo di dieta ti aiuti a modulare queste risposte.

    Detto questo, per risponderti direttamente

    "Per quanto tempo potrebbe essere protratta la dieta senza
    controindicazioni? Io dovrei perdere circa 6kg sono normopeso ora ma ho messo su massa grassa e vorrei eliminarla, mi alleno regolarmente in palestra, spero di poter perdere in fretta i chili di troppo."

    per questo scopo è più indicata questa lettura: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/carboidrati-dieta-chetogenica-fitness-sport

    ----

    "I primi giorni della dieta saranno quelli più difficili suppongo per il nostro corpo che dovrà abituarsi al nuovo regime alimentare e riuscire a trarre energia dai grassi (tempo e fatica in più) e non più dai monosaccaridi, cosa consiglia di fare? Iniziare la dieta senza fermarsi fino al raggiungimento dell'obbiettivo? Suppongo che ci verrà a provare una voglia pazzesca di zuccheri (essendo in più golosa) come si può affrontare? "

    Be'...
    Sarebbe opportuno continuare a "spingere", cioè adattarsi un po', a patto che questo non causi conseguenze negative (i primi giorni è ok stare un po' giù; ma se la cosa continua e si avverte malessere per tanto tempo, eppure si continua imperterriti... Non va più bene, e a quel punto meglio passare ad approcci più flessibili).

    La voglia di zuccheri la combatti banalmente con qualche tisana dal sapore tendente all'amaro, la liquirizia, il caffè (meglio decaffeinato, o d'orzo, se se ne assumono più di 2-3/giorno).

    " Sintomi da primi giorni mal di testa, stanchezza, debolezza, quanto bisogna bere? Problemi di stitichezza? Bisogna avere un giorno libero a settimana o si potrebbe perdere il controllo? Cosa consiglia meglio di fare??"

    Alcune cose sono "normali", nel senso dovute al cambiamento dietetico; se già abituata a "fare diete", proverai né più né meno quello che provi con composizioni di macronutrienti differenti.

    Sui giorni liberi, ci sono già delle risposte in questi commenti (in breve: vanno inseriti, SEMPRE, dei "momenti di libertà"... ), e ci si ricollega a quanto qui scritto: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/carboidrati-dieta-chetogenica-fitness-sport

    Da quel che dici, comunque, una cosa molto utile per te è questa risorsa gratis: https://www.oukside.com/shop/risorse-gratuite/dieta-semplice-flessibile


    ;)


    spero di essere stato d'aiuto
    un caro saluto

    Rispondi

  • Amy

    Amy

    23 Febbraio 2018 at 17:29 | #

    Salve Vincenzo,
    Ho letto bene l'articolo e intendo cominciare la dieta chetogenica fra pochi giorni, avrei cmq qualche domanda da fare:
    Per quanto tempo potrebbe essere protratta la dieta senza
    controindicazioni? Io dovrei perdere circa 6kg sono normopeso ora ma ho messo su massa grassa e vorrei eliminarla, mi alleno regolarmente in palestra, spero di poter perdere in fretta i chili di troppo..
    I primi giorni della dieta saranno quelli più difficili suppongo per il nostro corpo che dovrà abituarsi al nuovo regime alimentare e riuscire a trarre energia dai grassi (tempo e fatica in più) e non più dai monosaccaridi, cosa consiglia di fare? Iniziare la dieta senza fermarsi fino al raggiungimento dell'obbiettivo? Suppongo che ci verrà a provare una voglia pazzesca di zuccheri (essendo in più golosa) come si può affrontare? Sintomi da primi giorni mal di testa, stanchezza, debolezza, quanto bisogna bere? Problemi di stitichezza? Bisogna avere un giorno libero a settimana o si potrebbe perdere il controllo? Cosa consiglia meglio di fare??
    Ringrazio in anticipo. :)
    Un'altra domanda, in media quanti chili si perdono a settimana? Si arriva ai 2kg?
    Grazie per le dritte ma farò la KD ;) vediamo come va..

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    24 Febbraio 2018 at 11:57 | #

    Buongiorno, da tempo seguo dieta chetogenica ed in precedenza diete iperproteiche... ora non perdo più peso.....come si può superare lo stallo in chetogenica?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Febbraio 2018 at 08:38 | #

    Ciao Simona,
    è utile per te questa lettura ------> https://www.oukside.com/blog/nutrizione/dimagrimento-bloccato-dieta-cause


    Un caro saluto

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    06 Marzo 2018 at 13:48 | #

    Buongiorno, seguo la chetogenica da 10 giorni e sono in chetosi (Ketur test viola acceso) ma non riesco a perder peso, anzi sulla bilancia mi ritrovo un aumento di 4oo gr. Come mai? Ho ridotto notevolmente le proteine ma non riesco ad uscire dallo stallo. Avete una soluzione per aiutarmi? Come faccio a sentirmi sazia ed appagata limitando troppo le proteine per rientrare nei 65-70 gr. al giorno? Grazie.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    06 Marzo 2018 at 13:56 | #

    Ciao Simona,
    la spiegazione a ciò che indichi puoi trovarla qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/2-settimane-cliente-peggiorato-effetto-whooshing

    ;)

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    06 Marzo 2018 at 19:46 | #

    La ringrazio! Ho letto l'articolo ma non riesco a capire in pratica come sbloccarmi. Potrebbe cortesemente farmi un esempio pratico? Grazie mille.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    07 Marzo 2018 at 09:54 | #

    Ciao Simona,
    certo che posso ed è: continua così.

    10 giorni sono pochi per valutare QUALSIASI tipo di cambiamento. Usa la bilancia molto dopo l'inizio di una dieta (1 mese dopo) e in generale affidati ad essa giusto come parametro generico.

    Per il resto, non è possibile consigli specifici senza conoscere un po' di più (un bel po' di più). Richierei di dirti qualcosa che non si applica alla tua particolare situazione.

    Se hai bisogno di qualcosa di specifico e diretto, dai un'occhiata a questa pagina www.oukside.com/coaching
    Anche questo, però: DOPO aver aspettato almeno 3-4 settimane. :)

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Katy

    Katy

    14 Marzo 2018 at 20:21 | #

    Ciao!
    Ho iniziato la dieta Keto in base ai vs suggerimenti. Vi ringrazio perché è tutto molto chiaro e semplice basandosi sul calcolo KR.
    Io sono entrata in Chetosi facilissimamente e uso MyFitnessPal per i miei calcoli completi di calorie. Tutto ok insomma. Ma oggi mi è venuto un dubbio: ho acquistato delle barrette proteiche che in 40g contengono 13 grassi 14 proteine e 9 carboidrati. Fin qui tutto bene KR >1. Ma poi ho notato che 5 gr di carboidrati derivano dagli zuccheri... ormai barretta mangiata... mi tirerà fuori dalla Chetosi? La mia totale dose giornaliera di carboidrati è ca25-30g in cui rientra anche questa barretta. Piano calorico 1200 Kcal ca. Grazie mille per la risposta

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    15 Marzo 2018 at 14:05 | #

    Ciao Katy
    è un piacere leggere le tue parole.
    Nel caso della barretta, il consiglio più utile è associarla a della frutta secca o qualche scaglia (10-15 g) di cocco.
    Puoi anche sperimentare proprio con il Ketur, e vedere se e quando la barrette di fa uscire dalla chetosi.

    Rispondi

  • Katy

    Katy

    15 Marzo 2018 at 18:58 | #

    Grazie!!! Alla fine ho fatto il test di urine per capire e la barretta nn mi ha dato il benservito ha solo leggermente abbassato il livello di chetoni. Meno male perché altrimenti rigo benissimo e ci tengo! Grazie per il tuo suggerimento... il mio problema è che se mi sfondo a mandorle a gogo il mio piano calorico si alza e questo non lo vorrei... magari mangerò mezza barretta (che pena però :))) + 2-3 mandorle o noci. Vanno bene anche le macadamia?
    Comunque se qualcuno ne trae incoraggiamento e forza, io mi trovo benissimo! Perdo quasi 0.5 kg al giorno da quando sono on KD e nn sono liquidi poiché quelli sono già andati con la dieta proteica che ho seguito prima di trasformarla in Keto. Ero in stallo e così mi sono data la spinta ed è fantastico! Ora peso 63 e vorrei arrivare a 59-60kg (h 170)
    Quindi forza, funziona!

    Rispondi

  • Katy

    Katy

    15 Marzo 2018 at 19:02 | #

    Dimenticavo.... il mezzo kg giornaliero è anche grazie agli allenamenti aerobici (ellittica) quotidiani di 30-40min.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2018 at 09:12 | #

    1 barretta+10 mandorle, no? :-)

    Le "calorie" sono una questione ostica che presto sarà trattata (resta in aggiornamento sul blog...) perché c'è molta confusione.

    ;)

    PS: occhio ai decrementi veloci di peso, a un certo punto il tuo corpo raggiungerà un plateau...
    Se sei qui forse sai già come prevenirli. Per scongiurare ogni problema: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/dieta-ipocalorica-lungo-termine-plateau-break

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Katy

    Katy

    16 Marzo 2018 at 14:59 | #

    Grazie ancora mi fai sempre sorridere durante tutta questa crociata contro i kg! Io avevo totale 7-8 kg da perdere ( sono sempre stata su 59-60kg)e di carattere sono una velocista quindi preferisco fare tutto intenso con sacrificio elevato e in breve tempo. Mea culpa :-)
    Sai che la storia delle calorie giornaliere per la KD in effetti nn è chiara e trovi info contrastanti?!..sarebbe stupendo saperne di più per i soldatini fai da te come me! (Nn mi sgridare! :-) Sì ahimè sono mamma di due gemelle di quasi 3 anni e nn ho ne tempo ne la forza mentale (nn parliamo di soldi) per andare da un dottore della bilancia...quindi rimane il homework. Però mi diverto un sacco MyFitnessPal è stata una scoperta interessante e i tuoi consigli chiari e concisi hanno dato il valore aggiunto a tutto questo.
    So del plateau e infatti io sono a dieta da 3 settimane e avevo iniziato con la proteica. Dopo 15 gg ho raggiunto uno stallo e leggendo appunto del plateau ho trasformato la mia dieta in KD senza smettere. Ho solo seguito i tuoi consigli. Mi mancano gli ultimi 2-3 chiletti e via! Al plateau se arriva ancora proveremo dare un calcio nel Sederino. Per ora i 1200 Kcal sembrano funzionare... poi se devo ancora cambiare cambierò sono determinata come un toro davanti al drappo rosso:-))))

    Rispondi

  • Mihaela

    Mihaela

    16 Marzo 2018 at 16:04 | #

    Ciao. Innanzitutto grazie per i preziosi consigli. Vorrei sapere se i pomodori vanno bene. Alcuni dicono di si, altri no.Io so che hanno 5 g di carboidrati per 100 g di prodotto come il cavolfiore. Sbaglio?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2018 at 17:00 | #

    Non sono contro né

    - Contro i "compiti a casa", ben fatti, da persone diligenti e motivate
    - Contro le perdite di peso repentine (si perde meglio, si tiene più a lungo; al contrario di quanto si dica; a patto che... si sia diligenti e motivati :) )

    La mia era una precauzione: più perdi più il tuo corpo "si stanca".

    Non posso che augurarti buon proseguimento del tuo percorso (e mantenimento del tuo risultato! ;) )

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    16 Marzo 2018 at 17:01 | #

    Ciao Mihaela,
    sì, puoi utilizzarli...
    da quanto detto:

    1. se li mangi in un pasto va benissimo
    2. se li mangi da soli, non superare il... Mezzo Kg (quindi un po' difficile; ergo, nella realtà pratica: i pomodori puoi utilizzarli).

    ;)

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Mihaela

    Mihaela

    16 Marzo 2018 at 18:45 | #

    Infatti gli uso in un pasto, semmai, insieme all'insalata quindi sicuramente non mangio mezzo kg. Ancora una volta grazie.

    Rispondi

  • isabella

    isabella

    24 Marzo 2018 at 14:20 | #

    Buongiorno..una domanda..Seguendo questo tipo di dieta, potrei riscontrare problemi di fertilità e o concepimento?. mi spiego.. per chi fosse alla ricerca di un bambino può comunque seguire questo stile di vita o in qualche modo altera il normale funzionamento ciclico impedendone quindi uno svolgimento corretto?. Chiaramente qualora poi si dovesse presentare una gravidanza si applicano delle modifiche all alimentazione, ma io sono interessata a capire il prima.. spero non ci siano problematiche in merito perché vorrei continuare questo stile di vita senza però compromettere e pregiudicare la buona riuscita in questo ambito. è importante per me avere delle certezze su questo.. e magari qualcuna con delle testimonianze se c’è ?grazie

    Rispondi

  • isabella

    isabella

    24 Marzo 2018 at 14:21 | #

    Buongiorno..una domanda..Seguendo questo tipo di dieta, potrei riscontrare problemi di fertilità e o concepimento?. mi spiego.. per chi fosse alla ricerca di un bambino può comunque seguire questo stile di vita o in qualche modo altera il normale funzionamento ciclico impedendone quindi uno svolgimento corretto?. Chiaramente qualora poi si dovesse presentare una gravidanza si applicano delle modifiche all alimentazione, ma io sono interessata a capire il prima.. spero non ci siano problematiche in merito perché vorrei continuare questo stile di vita senza però compromettere e pregiudicare la buona riuscita in questo ambito. è importante per me avere delle certezze su questo.. e magari qualcuna con delle testimonianze se c’è ?grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Marzo 2018 at 09:31 | #

    Ciao Isabella,

    l'effetto è a 'U' rovesciata, in linea di massima.

    Se hai problemi di fertilità, migliorando la tua dieta e la sensibilità al glucosio (cosa che accade con la KD), allora il tuo corpo migliora anche sotto quell'aspetto (fertilità).

    Se non ce li hai, potresti avere difficoltà, non dovute alla chetogenica in sé; ovvero...

    Qualsiasi stressor è in grado alla lunga di farti essere meno fertile; quindi qualsiasi dieta che miri alla perdita di peso. La chetogenica ci mette un piccolo zampino aggiuntivo (è per così dire "più stressogena").

    Quindi devi considerare:
    - stato di partenza
    - peso di partenza

    Se hai già un peso basso (diciamo non oltre il 10-15% il tuo "peso ideale"), applicare questo tipo di restrizione potrebbe (potrebbe) abbassare la probabilità di restare incinta (abbassare e non azzerare).

    Spero di essere stato utile e che ci sia qualche "testimonial" utile per te. ;)

    Un caro saluto

    Rispondi

  • isabella

    isabella

    26 Marzo 2018 at 11:10 | #

    Grazie Vincenzo, io vorrei dimagrire di qualche chilo perchè non sono esattamente nel mio peso forma, si parla comunque di un massimo di 5kg.. credevo con questo stile di vita di migliorare anzichè ''compromettere'', lo dico a prescindere dal fatto che debba perdere peso o meno.. Ogni dieta porta con se scompensi e restrizioni, ma chiedo.. forse nello specifico della ketogenica, con questi alimenti concessi e l'aumento di grassi a sfavore dei carbo, potrebbe essere il problema? grazie

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Marzo 2018 at 11:35 | #

    Ciao Isabella,
    rispondendo alla domanda specifica: no, non dovrebbero esserci problemi.

    Ma parlando in maniera più generale che mi sembra essere più idonea alla tua situazione (perché, appunto, vuoi rimetterti in forma ma non hai bisogno di fare salti mortali) conviene spostarsi su approcci più 'soft'.

    Pensare alla riduzione di carboidrati potrebbe essere utili, ma spingersi in chetogenica vera e propria, nel tuo caso, direi che è superfluo oltre ad essere potenzialmente meno proficuo (perché ti porta a stancarti, renderti le cose difficili, etc.).

    Per un approccio di questo tipo, dai un'occhiata a quest'altro articolo: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/timing-posizionamento-dieta-flessibile

    ;)

    Rispondi

  • Simona

    Simona

    05 Aprile 2018 at 09:29 | #

    Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento: dal calcolatore a partire dai dati antropometrici emerge che il mio fabbisogno di macronutrienti è così ripartito: proteine grammi 72, grassi grammi 86,4 carboidrati quantità minima....... fermo restando il rapporto KR>1 avrei bisogno di sapere se posso aumentare un po' le proteine (e fino a quanto) senza che si trasformino in zuccheri mediante la gluconeogenesi. Inoltre, per aver un senso di sazietà ed al tempo stesso non inficiare il dimagrimento, è possibile aumentare i grassi? Fino a quanto?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Aprile 2018 at 10:45 | #

    Ciao Simona,

    NON il tuo "fabbisogno"

    MA

    le ***INDICAZIONI*** per te per creare una ***BASE*** per la dieta chetogenica.
    Base da cui partire e da modificare nel corso del tempo in base a stile di vita, attitudini, etc.

    Detto questo...
    La KD dovrebbe garantirti di suo un buon controllo sull'appetito; fino a quanto aumentare le proteine è impossibile dirlo, tu lo puoi sapere di più.
    Basta sperimentare: aumenti di settimana in settimana di un tot. quando inizi ad avere cali di energia e aumenti di appetito, vuol dire che sei andata troppo oltre.

    Per i grassi, sei più "libera", valutando i feedback dal tuo corpo: in particolare, troppi grassi potrebbero farti sentire gonfia, intorpidita, "lenta"; ma finché il tuo corpo regge, essi favoriscono chetosi e sazietà, in linea di massima.

    In linea generale, sei una donna, quindi conviene che l'aumento di grassi parta da:
    a) spuntini isolati
    b) grassi di un certo tipo (polinsaturi, MCT... quindi ok cocco, cioccolato fondente, "semi e noci")

    Spero di essere stato utile

    Rispondi

  • Luna

    Luna

    07 Aprile 2018 at 07:36 | #

    Ciao Vincenzo! Io è già 1 anno che ciclicamente seguo la chetogenica, ma rispetto a questa, sembra un’altra dieta! Solo proteine, nessun carboidrato e grasso....è per questo che sono molto confusa, sembrano 2 diete diverse...sicuramente, questa, più appagante dell’assumere solo proteine liofilizzate o di origine animale e niente più!! Poi, ci sono limiti nell’assunzIone degli alimenti? Posso tranquillamente assumere 80 gr. di formaggio piuttosto che 150?? Se riesci a chiarirmi ti ringrazio....

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    09 Aprile 2018 at 08:57 | #

    Ciao Luna,

    il problema nasce dal fatto che "chetogenica" non dovrebbe essere intesa come "dieta" ma come una condizione che porta l'organismo in una determinata situazione.

    In linea di massima per arrivare in quella situazione la via più veloce è quella di creare il rapporto proteine/grassi su descritto.
    Tutto il resto è solo una derivazione di questo; se te l'hanno fatto passare per Dieta chetogenica "così com'è"... ti hanno detto una cosa errata.

    Comunque,
    i limiti sono imposti dai tuoi obiettivi e da quello che vuoi raggiungere.
    In ottica "dieta chetogenica per dimagrire / perdere peso" ti aiuta il calcolatore online per la dieta chetogenica qui utilizzabile gratis => https://www.oukside.com/strumenti/calcolatore-online-dieta-chetogenica

    Se rientrano 150 g di formaggi...
    sì, puoi farlo
    (a monte poi ci sono altri fattori, ma credo che il buon senso vinca su di essi: voglio dire, so già per certo che non mangerai ogni giorno come tuo pasto 150 g di formaggio, per 2 mesi di fila ;) ).

    Un caro saluto
    Vincenzo

    Rispondi

  • Luna

    Luna

    09 Aprile 2018 at 11:13 | #

    Buongiorno Vincenzo, grazie mille per la risposta. Naturalmente non mangerei tutti i giorni formaggio, soprattutto a quelle grammature, ma mi sto chiedendo se, a lungo termine, questa proporzione di grassi, non diventi controproducente. Prima di iniziare la mia dieta con lo scopo di perdere i kg. accumulati, ero andata da una dietista che mi aveva detto che, il mio errore in passato, era stato quello di assumere troppe proteine, vale a dire, proteine=grassi=aumento di peso...poi, pensandoci ora, mi rendo conto che, fermo restando le proporzioni diverse, la chetogenica è simile alla dieta a zona, che ben accetta l'introduzione di grassi buoni, limitando i carboidrati....lo scopo, al momento, è perdere qualche kg. preso durante l'inverno, con l'idea di fare mio un regime alimentare che mi aiuti a mantenere il peso, senza soffrire la fame!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    09 Aprile 2018 at 11:32 | #

    Aspetta
    non ti confondere.

    Zona e Chetogenica non hanno niente a che fare
    E non pensare che "grassi buoni" = non utilizzare saturi. I grassi saturi "non sono dannosi".
    Quindi formaggi, maionese (di qualità), burro e grassi animali sono ammessi (in tutte le diete), ovviamente in un contesto bilanciato (non SOLO quelli).

    La correlazione proteine->grasso è sbagliata. Dimagrimento/ingrassamento sono argomenti con un spessore molto maggiore di quello di una semplice e superficiale correlazione; quindi, non ci badare.

    Venendo a te: non puoi fare la dieta chetogenica per il lungo termine, è controintuitivo.
    Per il lungo termine devi fare una dieta "di lungo termine" :)

    Ma quello lo sai meglio tu di tutti noi... cosa ti piace, cosa non ti piace, cosa sei abituata a mangiare, come puoi mangiare senza "sentirti stretta", etc.

    Se devi solo perdere qualche Kg non ti serve la dieta chetogenica, ma uno stile che possa essere tuo "per sempre".
    Cioè non devi "fare la dieta", bensì devi modificare te stessa per integrare nella tua vita un certo stile alimentare, l'esercizio fisico, relax e riposo nei momenti giusti, e così via.

    Cerca un professionista che sappia guardare tutte queste cose in maniera INTEGRATA
    (e no, ti prego, scappa da chi ti dice "proteine->ingrassare" :) ).

    Puoi iniziare da qui -> http://oukside.com/coaching
    (sul territorio ancora non siamo attrezzati... )

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Marina

    Marina

    20 Aprile 2018 at 23:24 | #

    Posso fare qualche domanda stupida?
    1) quando le proteine possono favorire la chetosi e quando fanno scattare la gluoconeogenesi?
    2) per raggiungere la chetosi con il digiuno quant ore o giorni ci vogliono?
    3 Se il corpo preferisce metabolismo glucidico invertire questo processo che controindicazioni può portare a lungo termine? D altronde se il corpo accumula zucchero é perché deve essere un elemento imprescindibile...

    Grazie, ciao

    Rispondi

  • Massimo

    Massimo

    24 Aprile 2018 at 10:29 | #

    Una domanda:
    per il dimagrimento io ho sempre saputo che la vera dieta chetogenica da applicare è la PSMF lasciando le altre per epilessia, emicrania e compagnia bella.
    Se faccio una PSMF su un soggetto di 60kg con 90g PRO (360kcal), 30g CHO(112,5kcal) e 20g FAT (180kcal), il KR viene 0,7-8.
    Qualsiasi PSMF viene con valori di questo tipo...mi viene da pensare che quando dici che diete chetogeniche per il dimagrimento dovrebbero essere su valori vicini a 1 consideri 0,7 o 0,8 un valore sufficientemente vicino ad 1, è così?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    24 Aprile 2018 at 10:46 | #

    Ciao Massimo,

    a livello di definizione la dieta chetogenica è "qualsiasi dieta provochi chetosi (forte chetosi)",
    Quindi dentro ci butti dentro tutte quelle per "condizioni varie", tra cui anche la perdita di peso / grasso.

    Non confondere la definizione di uno strumento con il suo obiettivo,

    La dieta tipo PSMF in cui non metti grassi potrebbe essere utile quando sei abbastanza sicuro che l'organismo sia già bravo ad ossidare bene i grassi oppure ne abbia così tanti a disposizione da ossidarli quasi senza alternative (come può essere per forti sovrappeso/grandi obesi).

    Pensa, comunque, sempre agli obiettivi da raggiungere. Con la PSMF ottieni il massimo deficit energetico possibile ma la domanda è: questo ti serve?
    Se sì, vuol dire che già a monte hai scremato e selezionato a chi devi applicarla, quindi la fai.
    Se non riesci a rispondere alla domanda, ovvero, se la PSMF potrebbe essere sostituita con altro, vuol dire che sarebbe meglio fare quell'altro perché più sostenibile.

    Detto questo, be' sì, i valori di KR vengono differenti, ma sei in una differenziazione "estremizzata" della dieta chetogenica

    Rispondi

  • Massimo

    Massimo

    25 Aprile 2018 at 14:42 | #

    Ho letto in giro che spieghi che un PSMF può essere controproducente se l'organismo non è capace di ossidare grassi e quindi di fatto continua ad andare a glucosio causando, con la PSMF, una grande gluconeogenesi e perdita di massa muscolare anzicchè grassa. Non ho ben capito per quale ragione capita che l'organismo faccia fatica a shiftare visto che è nel suo interesse evolutivo saperlo fare ed il continuare ad andare a glucosio in corso di PSMF per lui significa rischio di morte ma ho preso il concetto per buono!

    Per evitare questo mi regolerei facendo 2 settimane di chetogenica ipocalorica o normo ad alti FAT e poi togliere i FAT facendo una PSMF.
    Spero sia corretto. Il mio dubbio era sul K ratio che nel caso della PSMF non era pari a uno ma inferiore ma ho capito quando mi dici che è una versione particolare della chetogenica e quindi fa un pò storia a se.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    25 Aprile 2018 at 15:25 | #

    Ciao Massimo,

    in realtà la domanda così mi piace di più, molto specifica, perfetto!
    Quindi riprendo il discorso PSMF & co.

    (NB: non dare mai i concetti per buoni! :-) )

    Ci sono occasioni in cui l'organismo "non vuole" ossidare grassi.
    E no, non inizia volentieri a farlo perché evolutivamente dovresti guardarla in quest'altro modo:

    Un conto è lasciare quel corpo a COMPLETO digiuno; d'accordo, in quel caso, tempo 5-10 (20 giorni, t'oh) la situazione si sblocca.
    Ma parliamoci chiaro: qualcuno lo farebbe? Mmmh...

    Quindi O completo digiuno
    oppure qualche grasso in più.

    Perché una situazione "intermedia" (rispetto a quel contesto) in cui assumi solo proteine (PSMF) il corpo la vede come...

    "Sai che c'è, questi mi stanno dando proteine? Io mi ci produco glucosio, perché è più veloce"

    Inoltre, il livello evoluzionistico non è basato su:

    "Viviamo il più a lungo possibile"

    MA

    "Sopravviviamo adesso, che domani è un altro giorno".

    Il tuo ragionamento abbraccia uno step della piramide di Maslow che in natura non esisterebbe, qualcosa che ti dà sicurezza che se oggi sei vivo lo sarai anche domani.

    Quando parli di dieta, fame, adattamento, non devi considerare il corpo come quello di un "essere umano", ma di un animale istintivo e "senza corteccia".

    Al corpo non frega niente essere vivo domani, vuole esserlo oggi. Quindi quanto più può usare velocemente, tanto più lo farà.

    -

    "Per evitare questo mi regolerei facendo 2 settimane di chetogenica ipocalorica o normo ad alti FAT e poi togliere i FAT facendo una PSMF.
    Spero sia corretto. Il mio dubbio era sul K ratio che nel caso della PSMF non era pari a uno ma inferiore ma ho capito quando mi dici che è una versione particolare della chetogenica e quindi fa un pò storia a se."

    PERFETTO! :-)
    hai colto il punto e interpretato benissimo.

    Rispondi

  • Massimo

    Massimo

    26 Aprile 2018 at 00:14 | #

    Perfetto ora ho capito tutto, ti ringrazio per l'illuminazione!
    Spero di poter approfittare di voi per altre domande perchè su questo argomento ne avrei qualcuna in effetti.

    Ad esempio non mi è ben chiaro come mai l'alcol favorisca la chetosi. "Perchè sottrae ossalacetato" è la risposta che ricevo quando lo chiedo "cioè?" è la risposta che do.

    Ho intepretato pensando che l'etanolo non può fare gluconeogenesi ma l'unico destino a cui può andare incontro è essere ossidato consumando ossalacetato. Siccome non può essere usato per gluconeogenesi e siccome il suo essere ossidato toglie ossalacetato altrimenti buono per la gluconeogenesi, favorisce l'accumulo di acetil co A e quindi la formazione di chetoni.
    Interpretazione mia, spero giusta.

    Anche sugli MCT...Stimolano la chetosi perchè mentre i FFA a lunga catena entrano nel mitocondrio piano piano come al casello autostradale e quindi fanno sì acetil co A ma lentamente per cui oltre alla sua condensazione a chetoni una parte è facile che si riesca a combinare col poco ossalacetato e sia ossidata, gli MCT al contrario entrano veloci come avessero il telepass quindi fanno tanto acetil co A tutto insieme creando un ingorgo metabolico per cui invece che essere ossidato condensa a dare chetoni.
    Questa seconda idea sono sicuro che sia sbagliata perchè se così fosse allora anche al di fuori di diete chetogeniche gli MCT farebbero produrre chetoni perchè questo "ingorgo" nel mitocondrio ci sarebbe sempre a prescindere dal resto!

    Scusa mi sono dilungato, è che mi appassiono!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Aprile 2018 at 10:05 | #

    Ciao Massimo,

    hai il problema che abbiamo tutti: princìpi solidi in testa, che si scontrano giornalmente con ciò che leggi sul web.

    Di fatti, ciò che hai detto è ineccepibile biochimicamente parlando.

    Sia ciò che hai detto sull'alcool...
    Se l'ossalacetato "scappa via", allora il TCA non può proseguire e l'Acetil CoA si accumula. In maniera più profonda, l'alcool è un ossidante, quindi ruba elettroni, questo aumenta il NADH cellulare (sia da etanolo ad acetaldeide [alcol deidrogenasi coinvolto] sia da acetaldeide ad acetato [acetaldeide deidrogenasi coinvolto] da NAD+ si produce un NADH e un H+) e quindi la produzione di malato da ossalacetato, che la cellula cerca continuamente di "rimpinguare".

    Sia ciò che hai detto sugli MCT
    infatti esistono "diete chetogeniche a base MCT", dove puoi creare chetosi con 70-100 g di carboidrati.
    Però l'intestino deve reggere: 50-70 g di MCT potrebbero essere troppi e andare via verso il WC.

    La spiegazione di questo è qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/olio-di-cocco-migliora-metabolismo-dimagrimento

    Rispondi

  • Luna

    Luna

    26 Aprile 2018 at 15:19 | #

    Ciao Vincenzo, poco aver acquistato l’e-book, forse sto iniziando a capirci qualcosa.....ma ho comunque una domanda: dovrei tenere i carboidrati al di sotto del 5% giornaliero, ma lo trovo difficile visto che, già mangiando uno yogurt greco a colazione e qualche noce, il valore l’ho già superato.....puoi darmi dei consigli?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Aprile 2018 at 15:52 | #

    È sufficiente tu non superi i 30-50 g/die.
    Ma in linea di massima la regola è: solo verdure. Le "fonti dirette" no.
    Lo yogurt va bene per quanto espresso in questo articolo. ;)

    Rispondi

  • Luna

    Luna

    26 Aprile 2018 at 17:22 | #

    Ok.....quindi, quando faccio il calcolo del k e mi dice “aumenta i grassi” come faccio senza anche aumentare i carboidrati e superare così i 30gr.die? I carboidrati sono (quasi) ovunque!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    26 Aprile 2018 at 17:28 | #

    Come spiegato a Massimo poco sopra, quella è una base di partenza, da cui poi ti devi regolare.
    Quindi se fuoriesci di poco, non c'è problema.

    Rispondi

  • Massimo

    Massimo

    26 Aprile 2018 at 18:12 | #

    Grazie! Sapere di aver capito è una bella sensazione! :D

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    28 Aprile 2018 at 09:30 | #

    Ciao Vincenzo!
    Sono esattamente a 4 settimane di dieta chetogenica alti Fat, gli stick mi rilevano una chetosi media quindi tutto perfetto.
    Adesso però la perdita di peso è rallentata notevolmente, per cui, leggendo il commento sopra, pensavo che forse è il caso di passare alla chetogenica ma con bassi grassi, secondo te è meglio? Ovviamente attualmente il mio obiettivo è buttare giù più kg possibili ma se abbasso drasticamente i grassi la chetosi continua? Devo mantenere la stessa quantità di proteine di adesso o aumentarle? Ho letto inoltre che per dimagrire dovrei mantenermi sulle 900 kcal è vero? Infine ultimissima domanda, io assumo inositolo, può creare problemi con la chetogenica? Grazie mille!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    28 Aprile 2018 at 09:48 | #

    Testa bassa e continuare. Per 2, 3 ... 4 ... settimane.

    Ricorda: quando inizi la dieta, spegni qualsiasi emozione che possa impaurirti quando vedi pesi e misure sulla bilancia.


    "Ovviamente attualmente il mio obiettivo è buttare giù più kg possibili ma se abbasso drasticamente i grassi la chetosi continua? Devo mantenere la stessa quantità di proteine di adesso o aumentarle?"

    a queste domande si potrebbe rispondere con più elementi a disposizione (molti più elementi a disposizione);

    mentre per queste:

    "Ho letto inoltre che per dimagrire dovrei mantenermi sulle 900 kcal è vero? "

    --> no, dipende dai tuoi obiettivi.

    Se posso permettermi: dalle domande che fai, credo che tu non abbia definito i tuoi obiettivi.
    Visto che parli di peso, ecco come fare:

    1. A che peso voglio arrivare
    2. In quanto tempo
    e
    A. Perché lo voglio fare?
    B. Cosa farò quando sarò arriva al traguardo?
    (ce ne sarebbero molte altre da porsi, ma possono derivare da queste, una volta che te le sei poste)

    -

    "Infine ultimissima domanda, io assumo inositolo, può creare problemi con la chetogenica?"

    No, anzi, può essere utile proprio per i suoi effetti a livello di "potenziamento del segnale insulinico" e quindi teoricamente riduzione dei livelli di glucosio plasmatici. Un po' diverso se si è completamente sedentari... ma non è il caso, veeero? :)

    Rispondi

  • Manu

    Manu

    28 Aprile 2018 at 10:19 | #

    No no tranquillo, niente sedentarietà ! Il mio obiettivo di peso lo so, non ho stabilito un tempo preciso per raggiungerlo ma ho la principale difficoltà dello scoraggiamento..col calcolatore online vedo sempre che i pasti e l'intera giornata sono chetogeniche rispettando i parametri dei nutrienti, ma (e in questo sbaglio io lo so, in quanto mi peso tutti i giorni) se vedo un aumento il giorno dopo penso di aver sbagliato qualcosa, ma se ragiono sono consapevole che gli sbalzi giornalieri sono influenzati da mille cose e che conta di più la perdita di cm che di peso sulla bilancia.
    Una volta raggiunto l'obiettivo? Mantenerlo a vita! Non voglio più uscire dai binari e ritrovarmi a combattere coi kg di troppo!

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    28 Aprile 2018 at 10:55 | #

    Perfetto...
    (non essere troppo orientata ai calcoli; il "giusto" ;) )
    ti consiglio allora la lettura anche di questo -> https://www.oukside.com/blog/nutrizione/dieta-meno-dieta-dimagrimento-duraturo

    Rispondi

  • Chiara

    Chiara

    09 Maggio 2018 at 12:52 | #

    Buongiorno Vincenzo, hai letto per caso il libro del Dott. Mercola sulla dieta TMM?

    Rispondi

  • Vincenzo

    Vincenzo

    09 Maggio 2018 at 13:10 | #

    Ciao Chiara,
    no, mi 'spiace, non l'ho letto.
    Una breve ricerca mi fa pensare che si tratti di un nome carino ("Terapia metabolica mitocondriale") dato a qualcosa che si è sempre fatto (o, meglio, sempre si sarebbe dovuto fare) per il "ripristino metabolico": qualche giorno con tanti grassi, pochi carboidrati, proteine chi più chi meno...

    Similmente a quanto descritto qui: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/flessibilita-metabolica-dimagrimento-metabolismo

    Niente di nuovo, insomma, a parte la data di pubblicazione. :-)

    Rispondi

  • massimo

    massimo

    16 Maggio 2018 at 22:40 | #

    Buonasera!
    Mi chiedevo: una persona che usa armolipid se dovesse iniziare una dieta oloproteica deve sospendere per le 3 settimane di dieta il farmaco per poi ricominciare al termine o dovrebbe comunque tenere la terapia anche durante il ciclo di oloproteica?

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    17 Maggio 2018 at 09:02 | #

    Dovresti parlarne con chi te l'ha consigliata/"prescritta"; e magari far notare che i singoli prodotti potrebbero essere molto più efficaci e molto meno costosi su base costante.

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Franziska

    Franziska

    17 Maggio 2018 at 14:39 | #

    Scusa, ma cosa dici?
    Non la puo fare chi:
    •Non abbiate un passato di estreme oscillazioni del peso corporeo;
    •Non siate in stallo da molto tempo col dimagrimento.

    io sono in entrambe le categorie! la Keto mi ha aiutato proprio a sbloccare uno stallo di 5 mesi!
    io direi che dovresti fare un giro nei siti americani o in inglese x capire esattamente cos sia la Keto, quanto aiuti le persone e come le aiuta.
    Dovresti anche dare uno sguardo al documentario: The Maic Pill"2018, sfortunatamente non sembra chein italia sia ancora arrivato ma su youtube o Netflix lo puo scaricare.
    Gli zuccheri di qualsiasi tipo ad ezzezione di quelli sotitutivi come la stevia, l’erythritol etc sono ammessi, x cui la cioccolata non e ammessa, il cacao si ma quallo purissimo. Il burro d’arachidi non e ammesso, ma il burro di mandorle si! Evitare tutti i prodotti derivanti dalla soia ed usare il latte di mandorle!
    Gli olii... Di semi??? Assolutamnete NO! Olio di Riso??? Ma se il riso nella dieta, come la pasta e il pane non ci passa nemmeno di striscio! Oli di frutta secca? NO!
    Frutta secca? Ma la frutta non e permessa ad eccezione dei frutti di bosco che sono gli unici che hanno meno caroidrati netti! Io mangio 40gr di fragole la mattina x un totale di 3net carbs.
    E tu vuoi darmi ad esempio 25gr di frutta secca? Mah! Meno male che la matematica non e un opinone!
    Il latte non e ammesso per cui non tutti i latticini lo sono, bisogna sempre e comunque leggere le etichette x vedere i quatitativi di net carbs. Il Greek Yogurt e permesso in alcuni gruppi keto (xche c’e’ da specificare che c’e’ la Keto stric, lazy, dirty, no non sense, with IF etc), ma la maggior parte evita lo yogurt perche contiene solo zuccheri!
    LASCIATE STARE GLI ZUCCHERI NASCOSTI??? Ma davvero??? OOOKKKKEEEEYYYY!
    Ho cercato tanto sui siti italiani perche mia madre e italiana e referisce in lingua italiana, ma quando leggo:
    A colazione bevete in bicchiere di latte e mangiate un panino con qualcosa... ma siamo matti?
    Ci siamo fregati tutti I net carbs della giornata a colazione! Ma soprattutto abbiamo inserito PANE che nella dieta Keto e come dire Lucifero in chiesa!
    Un altra cosa molto fastidiosa e quando si dice che il bambino deve mangiare due biscotti la mattina... ma come! invece di abituarli ad evitare le graminacee come la peste, gli insegniamo che i biscotti, menneno fatti in casa con farine sostitutive, sono accettabili!
    Mi spiace se ho usato il tuo articolo come mezzo di lamentela ma devo dire che per lo meno il 60% di cio che hai e quasi giuto e metti in una buona luce la keto, gli altri siti erano il 99% sbagliati, cosi ho chiuso e passata olte 
    Grazie x avermi ascoltato/letto
    Franziska

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    17 Maggio 2018 at 17:07 | #

    Ciao Franziska e grazie per il tuo commento.

    Quello che dici, sebbene possa essere "matematicamente giusto", non lo è molto per come funziona il corpo.
    A quanto leggo scommetto che...

    Sei una persona che si è approcciata alla chetogenica arrivando ad essa e studiando ciò che c'è dietro, e non hai fatto il processo inverso in cui

    1. Prima si studia tutta la base Biochimica e Fisiologica
    2. Poi si inserisce nel contesto "dieta chetogenica"
    3. Quindi si cerca il miglior compromesso anche in ottica di mantenimento a lungo termine.

    Non è il caso di elencarti tutti i punti in cui ciò che dici è corretto SOLO per quanto riguarda la chetogenica seguita per tempi più o meno ristretti, ma NON in un contesto più ampio in cui si deve cercare di seguirla anche ammettendo una flessibilità che ti permette di tenerla a lungo.

    Non vado oltre perché il blog è pieno e ricco di questo tipo di argomenti, che ti consiglio di approfondire per evitare di non sapere come fare il giorno in cui ti troverai a dover "cambiare qualcosa" nella tua dieta.

    Inoltre, a contenuti argomentati da un punto di vista logico, razionale e scientifico, sarebbe educato rispondere in altrettanto modo.

    Al di là di questo apprezzo i tuoi altri consigli.

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Franziska

    Franziska

    17 Maggio 2018 at 22:00 | #

    Grazie per la risposta.
    Potrei elencarti tanti dottori, sia bariatrici che dello sport, o nutrizionisti, incluso Il mio che e qui in irlanda, che approva la dieta ketogenica a lungo termine.
    Il mio stesso dottore mi ha detto che nell ultimo convegno medico a cui e andato si e parlato di questo e di come la piramide alimentare non esiste piu.

    Non so cosa tu intenda con: SE DEVI CAMBIARE QUALCOSA?
    Cosa dovrebbe cambiare esattamente? io sono anni che non mangio pasta, patate, pane e riso :) quindi sicuro peggio di cosi "non posso cambiare" qualsiasi altra cosa con moderazione non altera la mia idea di cibo "pulito" non confezionato, tutto cucinato da me!

    In ogni caso credo che questo sia un argomento che ha bisogno di crescere, non si sa ancora molto. io so solo che conosco persone che da anni seguono la dottrina Keto. La chiamo dottrina appunto perche non e ancora riconosciuta come una "Dieta Vera" in parecchi paesi.

    Buona giornata e grazie ancora x aver trovato il tempo di rispodermi!!
    Franziska

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    18 Maggio 2018 at 08:18 | #

    Ciao Franziska, figurati e grazie a te.

    Con "se devi cambiare qualcosa" supponevo stessi seguendo una qualche forma di chetogenica rigida, ma magari non è così quindi non ci sarà nulla da cambiare.

    Il tuo discorso comunque tocca quello della qualità alimentare e tante altre cose...
    ma qui stiamo parlando di chetogenica in un certo modo (cioè quello che 'produce'), differenziandola da una semplice riduzione dei carboidrati dietetici e un modello alimentare "pulito".

    --

    Grazie di nuovo del confronto
    ;)

    Rispondi

  • Alessandra

    Alessandra

    30 Maggio 2018 at 13:21 | #

    no anzi, la verdura va mangiata.

    Rispondi

  • Eugenio

    Eugenio

    04 Giugno 2018 at 20:31 | #

    Buona sera e complimenti vivissimi per il blog
    Mi chiedevo se c’è un tempo limite consigliato per la dieta chetogenica. Grazie mille Eugenio

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Giugno 2018 at 10:55 | #

    Ciao Eugenio,

    non c'è un limite per la Dieta Chetogenica di per sé, ma per qualsiasi condizione in cui dai uno stimolo il tuo corpo per fare qualcosa (di differente e generalmente "maggiore" di quanto facevi prima).

    Quando inizi a sentirti affaticato/spossato, e avere iniziato una dieta chetogenica è l'UNICA modifica che hai fatto nella tua vita, allora allenta un po' la presa (inserisci carboidrati per un po'... ).

    Se non è l'unica modifica che hai fatto: valuta anche ciò che di altro hai modificato (dormi meno? Ti alleni di più? Lavori di più? La stagione sta cambiando? Tu lo sai...) e procedi per step a ritroso.

    ;)

    Rispondi

  • Eugenio

    Eugenio

    05 Giugno 2018 at 13:34 | #

    Gentilissimo, il mio problema era solo la paranoia di mandare troppo sotto stress il fegato. C’e molta gente che vede questa dieta come fosse belzebù in persona. Grazie per avermi fatto conoscere la formula della keto ratio...è tutto molto più semplice.

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    05 Giugno 2018 at 14:14 | #

    "C’e molta gente che vede questa dieta come fosse belzebù in persona. "

    La stessa che si sfonda di pizzette e focaccine davanti a 3-4 long drink, 2-3 volte a settimana? :-)

    Come spesso accade quando si parla di un tema specifico, ***molta gente*** perde di vista il quadro generale. È una dieta, non un bazooka, e come esseri razionali abbiamo il buon senso di capire quando "qualcosa non va".

    Potresti arrivare a uno stallo, così come in qualsiasi altra condizione.
    E potresti vedere, nello stallo, che i parametri epatici sono variati.
    Ma questo come CONSEGUENZA dello stallo, non della dieta. Se arrivi a quello stallo facendo qualsiasi altra cosa, la situazione sarebbe la medesima.
    Non farti influenzare da quella "molta gente" che è anche molto poco razionale, molto spesso.
    Ovvio, devi trovare "il tuo" e non andare mai contro quel "qualcosa che non va", se senti che non va. Ma poi sei tu a conoscere cosa può andare meglio per te e cosa no.

    ;)

    Rispondi

  • Eugenio

    Eugenio

    05 Giugno 2018 at 14:23 | #

    Grazie mille ☺️ Eugenio

    Rispondi

  • Luisa

    Luisa

    24 Giugno 2018 at 22:16 | #

    Ciao, ma da tutte le partisi diceche bisogna comunque dare ina restrizione calorica che si attesti sulle 800 kcal. Comunque sono punti di vista e concordo aul digiuno simulato. Ma che mi puoi dire sul reintegro, le fasi e il mantenimento? Grazie :) luisa

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    25 Giugno 2018 at 09:04 | #

    Ciao Luisa,
    il come fare dieta chetogenica differisce ovviamente dal come inserirla in un contesto di lungo termine.

    Questo: https://www.oukside.com/blog/nutrizione/carboidrati-dieta-chetogenica-fitness-sport

    te ne dà una buona idea.
    Cioè inizi a introdurre in maniera mirata carboidrati e poi nel tempo ne metti altri "a spot"
    (che è il buon modo per assumerli: non distribuirli ma inserirli in maniera sapiente).

    Come vedi facendo così ti ritrovi a "reintegrare" senza neppure accorgerti di essere "uscita" dalla condizione di dieta chetogenica.

    Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    02 Agosto 2018 at 12:07 | #

    Salve, ho eseguito la dieta per più di due mesi ma purtroppo non ho perso che 3 kili e nelle ultime 3/ quattro settimane non ho perso proprio nulla mi sono un pò demoralizzata, l' ho seguita alla lettera, volevo sapere in quanto ho letto sopra che non è adatta a chi ha avuto grosse oscillazioni di peso e mi chiedevo il perchè ... e come eventualmente poter ottenere anche io il dimagrimento mi mancherebbero 5/6 kg per stare bene ... grazie infinite

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    02 Agosto 2018 at 14:53 | #

    Ciao Raffaella,

    ci sarebbero un po' di altre cose da analizzare, in prima istanza come hai ricavato il dato che ti servirebbero 5-6 Kg per stare bene.

    Cerca di ragionare in questo modo e chiediti questa strana ma utile domanda:

    "Per avere più benessere devo raggiungere il benessere o devo pesare di meno?"
    È il primo passo per stabilire le tue priorità in maniera concreta nella tua testa.

    Venendo alla dieta chetogenica di per sé, per chi ha avuto queste oscillazioni, semplicemente il corpo si "arrabbia prima" :-)
    Cioè reagisce di più e si adatta opponendosi alla perdita di peso, rispetto a quanto faccia un corpo "acerbo" in termini dietetici.

    Ti consigli di ricalibrare tutto il tuo approccio al Fitness, partendo da cose più semplici e meno drastiche; puoi iniziare a capire come in maniera gratuita con questa ottima risorsa:
    https://www.oukside.com/shape-your-life

    Spero di essere stato utile
    (mi raccomando: porgiti quella domanda prima di tutto :-) ).

    Un caro saluto

    Rispondi

  • Raffaella

    Raffaella

    02 Agosto 2018 at 15:04 | #

    dovrebbe essere il mio peso forma in realtà ... che ho qualche kilo di troppo si vede a occhio nudo ... certo non sono obesa ... ma in sovrappeso si ... grazie dei consigli :)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.