fbpx

La cannella: 7 ragioni per consumarla

Perché utilizzare cannella nella dieta di tutti i giorni
Di Gianluca Pirro , 11 Novembre 2016

La cannella: 7 ragioni per consumarla

La cannella ha proprietà molto importanti tanto che limitarne il suo consumo occasionalmente come spezia alimentare diventa molto riduttivo. Essa è un potente antiossidante con preziosi composti antinfiammatori.

Se non sei convinto di ciò, ci sono almeno 7 buone ragioni per consumarla abitualmente nella tua dieta.

  1. Aiuta a tenere sotto controllo le infiammazioni grazie al suo contenuto di cinnamaldeide.
  2. Migliora le funzioni cognitive e la salute del cervello.
  3. Supporta la perdita di peso regolando i livelli di glicemia e migliorando la sensibilità insulinica.
  4. Lenisce la gola infiammata e calma la tosse grazie alle sue proprietà antibatteriche e riscaldanti.
  5. Riduce il rischio di cancro al colon e al fegato.
  6. Migliora i sintomi dell’ADHD (Attention-Deficit Hyperactivity Disorder), sigla per sindrome da deficit di attenzione e iperattività, grazie alle sue proprietà antiossidanti.
  7. Supporta i malati di diabete di tipo 2 accellerando il metabolismo del glucosio.

Attenzione però a procurarvi la cannella di Ceylon che è considerata la “vera” cannella, molto più ricca di proprietà della cannella cassia (che proviene da piante diverse (Cinnamomum cassia e Cinnamomum burmannii) pur appartenendo alla stessa famiglia; essa è meno pregiata, ha una superficie rugosa, con un colore esterno grigiastro e un aroma differente. Esistono altre varietà come la cannella messicana e quella delle Seychelles, anch’esse meno pregiate.

Non hai ancora trovato la soluzione che cercavi?

Forse la stai cercando nel posto sbagliato. Hai bisogno di un metodo pratico che ti dica dove guardare. Vieni a scoprirlo nei K Start GRATIS.

Cosa sono? Il Fitness è un campo troppo vasto per riuscire a non perdere mai l'orientamento. I K Start sono la visione d'insieme che permette di farlo, che tu sia un Appassionato che vuole migliorare se stesso o un Professionista impegnato ad aiutare gli altri a farlo.

SCEGLI:

Psss! Se non lo hai ancora fatto, iscriviti alla Newsletter per ricevere uno sconto del 15% su tutti i servizi Oukside, oltre a preziosi ed esclusivi consigli! Iscriviti ora alle News

Commenti (8)

  • Ruggero

    Ruggero

    17 Novembre 2016 at 08:41 | #

    Ciao Gianluca,potresti,se possibile,aggiungere qualche riferimento bibliografico?

    Rispondi

  • GIANLUCA PIRRO

    GIANLUCA PIRRO

    18 Novembre 2016 at 17:05 | #

    Beh ce ne sono tanti. Riguardo a quale aspetto?

    Rispondi

  • GIANLUCA PIRRO

    GIANLUCA PIRRO

    18 Novembre 2016 at 17:14 | #

    Uno è questo sulle differenze tra Cannella di Ceylon e le altre.

    http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/jf4005862

    Rispondi

  • Ruggero

    Ruggero

    18 Novembre 2016 at 17:16 | #

    riguardo i 7 benefici elencati nell'elenco

    Rispondi

  • GIANLUCA PIRRO

    GIANLUCA PIRRO

    18 Novembre 2016 at 17:50 | #

    Beh sono conoscenze acquisite col tempo ma anche proprietà già note. Nessuna mia invenzione. In questo caso essendo l'Insight un post informativo veloce e pratico non ho ritenuto dover ripescare tutte le fonti a riguardo. Comunque sui comuni canali scientifici di ricerca trovi tutto. Se ti interessa un aspetto in particolare ti posso fornire qualcosa.

    Rispondi

  • GIANLUCA PIRRO

    GIANLUCA PIRRO

    18 Novembre 2016 at 18:06 | #

    Sul punto 4. per esempio in Dietetica Cinese la cannella ha una natura fortemente yang quindi espelle e combatte la malattie da freddo e l'umidità, come lo zenzero e i chiodi di garofano.
    Non per nulla vedi come è fatto il vin brulé.

    Rispondi

  • Rino

    Rino

    27 Dicembre 2016 at 18:31 | #

    Cinnamon as Nutrient Partitioner and 1st-Line Treatment for Pre-Diabetes? 5% Decrease in Fasting Glucose per Month in Human Studies, Up to 24% in 40 Days W/ High(er) Doses

    "Cheap cinnamon cassia will work just fine as a blood glucose management supplement!"

    Anand, et al. (2010) observed negative effects on the liver of rodents at dosages that would tantamount to ~40g of cinnamon per day

    "[b]oth true cinnamon and cassia cinnamon has the potential to lower blood glucose in animal models and humans" (Medagama. 2015). The problem is yet that we do not have reliable long-term safety studies for both, the problematic, potentially coumarin-laden regular cinnamon, as well as the expensive 99% coumarin-free Ceylon cinnamon, which has actually never been tested in human studies (rodent studies suggest that it works at least as well, though).

    a single, rarely cited study in healthy individuals from the Lund University in Sweden that says that Ceylon cinammon has no effect whatsoever on glycemia and thus concludes "The Federal Institute for Risk Assessment in Europe has suggested the replacement of C. cassia by C. zeylanicum or the use of aqueous extracts of C. cassia to lower coumarin exposure. However, the positive effects seen with C. cassia in subjects w/ poor glycaemic control would then be lost." (Wickenberg. 2012)

    If you want to improve your glucose management folks, work out - a glycogen-depleting strength or HIIT workout, that's the only scientifically proven muscle specific glucose repartitioner

    Rispondi

  • Vincenzo Tortora

    Vincenzo Tortora

    27 Dicembre 2016 at 19:34 | #

    Hi Rino and thank for feedback.

    Your words are corrects but one thing to say follows.

    It's ok that cinnamon (alon) doesn't lower blood glucose so much from a practical stand point, but in the big scheme of thing I think is worth insert cinnamon here and there (for the '7 reasons' Gianluca listed, too) always without loosing forest for the tree.

    Is not the cinnamon but HITT+diet+lifestyle+ ... + cinnamon (every one with its own contribute, say 30%+25%+25%+ ... 15% ... + [cinnamon = 2%]).

    Surely cinnamon doesnt' "cure" diabetes. :)

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.