Intolleranza farmacologica agli alimenti

Interazione tra farmaci e alimenti

Intolleranza farmacologica agli alimenti

In quel di Oukside è stata già spiegata la differenza tra allergia e intolleranza alimentare. La domanda successiva che ci si può porre è se esista una causa esterna, quindi non dipendente direttamente dal nostro organismo, in grado di scatenare un’intolleranza nei confronti di un alimento.

La risposta è sì, e l’elemento più incriminato è il “farmaco” che ci è stato prescritto. Quanti di voi, infatti, assumono due o più farmaci senza modificare la propria dieta? Praticamente quasi tutti.

Siamo soliti ricevere la ricetta, andare in farmacia, scrivere magari il dosaggio di quel farmaco sulla scatola per non dimenticarcelo e seguire la terapia che ci è stata indicata; gli anziani, soprattutto se non sono assistiti, addirittura si dimenticano di prendere i farmaci, arriva la figlia arrabbiata e ben immaginate quello che succede.

Metabolismo epatico dei farmaci

Ma se il nostro corpo introduce qualcosa di esterno (il farmaco in questo caso), esso dove viene metabolizzato principalmente? La risposta è nel fegato. Quest’ultimo è un organo che in realtà è un multi-organo per le innumerevoli funzioni che assolve: sintesi proteica (albumina, transferrina, ceruloplasmina, aptoglobulina, lipoproteine e tutte quelle che hanno un ruolo nella coagulazione), produzione e secrezione di bile, regola il metabolismo dei carboidrati, dei lipidi, dell’emoglobina, è “storage” per quel che riguarda la vitamina A, la B12, il ferro ed il rame, è un vero e proprio “filtro” nei confronti di antigeni che vengono veicolati dalla vena porta e, infine, ma non meno importante, è sede di smaltimento per i farmaci e tutte le sostanze tossiche.

Infatti, a livello epatico, vi è un sistema enzimatico mitocondriale (il citocromo P450) le cui reazioni di glicuronoconiugazione e coniugazione con il glutatione attivano oppure disattivano i farmaci: è fondamentale sapere che tale sistema viene influenzato dalla dieta.

Interazione farmaco-alimento

Pertanto, se si è in terapia farmacologica, è bene conoscere che certe sostanze ingerite possono funzionare di più o di meno a seconda dell’alimentazione. In poche parole, se si assume un farmaco e allo stesso tempo un alimento che ne inibisce l’effetto (vale a dire lo annulla) è come se noi non stessimo eseguendo quello che ci ha prescritto il medico di base.

C’è da tenere presente che l’interazione tra farmaco e cibo dipende anche dal volume e dalla composizione del pasto. Un pranzo ricco di fibra, come può essere pasta integrale con le verdure, seguita da legumi, pane integrale e frutta secca, può ridurre la disponibilità di alcuni farmaci (la lovastatina ad esempio) proprio per il legame con la fibra.

Questa situazione definisce una vera e propria intolleranza farmacologica agli alimenti: porre attenzione a ciò che si mangia e a ciò che si assume è pertanto utile per non raggirare involontariamente la terapia.

Effetti del succo di pompelmo

Esistono in natura alcuni vegetali contenenti principi attivi che vanno ad agire sul meccanismo di induzione o inibizione enzimatica del citocromo P450 (che ho nominato prima): ad esempio, il succo di pompelmo (“Citrus pompelmum”) è a base di naringinina, la quale è in grado di inibire l’enzima deputato allo smaltimento del farmaco.

In questo modo, se si assume allo stesso tempo farmaco e succo, vi è un aumento del suo effetto: se si tratta di benzodiazepine, psicofarmaci con proprietà sedative, ipnotiche, ansiolitiche e quindi miorilassanti, si può avere un’eccessiva sedazione. È importante monitorare non solo che il paziente aderisca adeguatamente alla terapia farmacologica, ma che segua un’alimentazione adeguata ai propri bisogni (1).

Inoltre, la naringinina agisce sull’attività degli antistaminici; potenzia poi gli effetti della lovastatina, simvastatina, atorvastatina e cerivastatina con il rischio di sofferenza muscolare; chi è stato sottoposto a trapianto, compresi quelli (a base) di fegato, ciclosporina e tacrolimus possono subire un effetto di potenziamento se in concomitanza si beve qualche sorso di pompelmo; infine, ha un’azione inibitoria anche sui farmaci antiepilettici.

Effetti dell'erba di San Giovanni o Iperico

Medesimo discorso va fatto per il melograno, in particolare per il succo dei chicchi rossi. Esatto contrario se si parla invece dell’erba di San Giovanni, venduta in erboristeria, o conosciuta anche come iperico: il citocromo viene indotto più facilmente, per cui il farmaco viene metabolizzato “più in fretta”, ottenendo un’efficacia più scarsa. Se si tratta di un abbinamento come iperico e immunosoppressore non è raro che ci sia il rigetto dell’organo: bisogna fare molta attenzione.

Effetti di erbe e spezie comuni

Anche pepe e farmaci antiepilettici non vanno molto d’accordo: la piperina, principio attivo, inibisce gli enzimi deputati alla loro eliminazione, e come anche in associazione di bevande alcoliche, vi può essere un’aumentata disponibilità della sostanza (2).

L’aglio è sempre stato visto come alimento nutraceutico e, pertanto, ricco di proprietà positive: c’è da dire che in concomitanza di ACE-inibitori e terapia anticoagulante, vi può essere ipotensione e casi di sanguinamento.

Zenzero, gingko e gingseng sono altrettanti alimenti che, se associati al warfarin, possono alterare i tempi delle emorragie e che, pertanto, non devono essere assunti, specialmente in pazienti critici dal punto di vista chirurgico (pazienti ospedalieri in genere). Il mirtillo è un altro tipo di alimento che con il warfarin non va molto d’accordo: tale farmaco è metabolizzato dal citocromo CYP2C9 e il frutto apporta dei flavonoidi che inibenti tali enzimi.

Ananas e chemioterapici: l’ananas esalta la loro azione. In particolare, si tratta della bromelina, sostanza contenuta nel gambo che agisce con effetti antiproliferativi e proapoptotici nei confronti, ad esempio, del cancro al colon-retto (3).

Effetti dell'alcool

L’alcool è una bevanda “droga”: oltre a provocare un adattamento dell’organismo, è in grado di aumentare l’azione depressiva che molti farmaci hanno sul sistema nervoso centrale. Esatto opposto per gli alimenti contenenti caffeina (e teina): essa stimola il cervello, determinando un effetto eccitante che può essere visto come una diminuzione dell’azione delle benzodiazepine.

Effetti della vitamina K

Piccolo cenno a vitamina K e Warfarin. Chi fa terapia anticoagulante (farmaco noto con il nome di Coumadin) non è vero che deve eliminare dalla propria dieta tutte le verdure a foglia verde perché contenenti vitamina K.

Il trucco sta nel fatto che questo tipo di persone debba assumere livelli sempre costanti di questa tipologia di verdura: broccoli, bietola, cavolo verde, spinaci, crescione e rapa. Non bisogna consumarne né troppa in una volta, né raramente: ci deve essere un equilibrio costante, un po’ tutti i giorni, altrimenti si può manifestare una sorta di “resistenza farmacologica” e quindi avere bisogno di aggiustamenti nella terapia. Occhio all’avocado: pur essendo povero di vitamina K, è stato dimostrato essere antagonista del farmaco, nonostante non sia noto l’esatto meccanismo (4).

Effetti delle proteine

A mio parere, una sorta di intolleranza farmacologica è rappresentata anche dall’associazione di proteine e Levodopa nei malati di Parkinson. È bene, in chi fa questo genere di terapia, non associare proteine durante la giornata, ma fare un unico carico serale: in questo modo, si garantisce un maggior effetto del farmaco durante la giornata, garantendo una qualità di vita più accettabile in quei momenti in cui il muscolo deve funzionare meglio; questa scelta è a scapito della notte, fase in cui una ipomotilità può avere meno conseguenze.

In questa tabella potete comunque trovare le principali raccomandazioni dietetiche associate ad ogni farmaco (5).

Interazione tra cibo e farmaci

Riferimenti

  1. Rubin E et al. Inhibition of drug metabolism by acute ethanol intoxication. A hepatic microsomal mechanism. Am J Med . 1970
  2. Khanna JM et al. Effect of chronic pentobarbital treatment on the development of cross-tolerance to ethanol and barbital. Pharmacol Biochem Behav. 1988.
  3. Romano B et al. The chemopreventive action of bromelain, from pineapple stem (Ananas comosus L.), on colon carcinogenesis is related to antiproliferative and proapoptotic effects. Mol Nutr Food Res. 2014.
  4. Bickstein B et al. Warfarin antagonism by avocado. Lancet. 1991.
  5. Schmidt LE et al. Food-drug interactions. Drug. 2002.

Articoli correlati

Scopri il nostro manuale Never Diet (Get the K)


Never Diet Cover
Fitness Coaching per risultati duraturi e permanenti

Never Diet ti fornisce soluzioni pratiche per migliorare dieta, allenamento, integratori sfruttando tecniche del coaching in maniera mirata ed essenziale.

Scopri tutto

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Potrebbero interessarti:

Scorri facendo clic sulle frecce di lato o swipe destra/sinistra.





Scopri anche:

Risorse Scaricabili Gratis

Informazioni essenziali in slide/infografiche comode intuitive.


Scoprile tutte